Lavoratori Iren incatenati a Tursi

0
CONDIVIDI
sciopero iren
Tursi, i lavoratori delle aziende appalti Iren protestano e dormono in Comune
sciopero iren
Lavoratori appalti Iren protestano da settimane

GENOVA. 23 NOV. L’altra notte hanno dormito a Tursi per protesta. Venerdì hanno marciato in corteo da via Garibaldi a De Ferrari. Stamane sono tornati davanti alla sede del Comune e si sono incatenati , montando una tenda da campeggio. Non si muoveranno di lì fino a quando non otterranno risposte dal sindaco Marco Doria. Sono i lavoratori appalti Iren, che da settimane protestano contor il Comune che fa orecchie da mercante. In ballo ci sono 19 posti di lavoro.

Sul tema oggi è intervenuto ancora il capogruppo M5S Alice Salvatore: “Quanto sta accadendo nella nostra città e nella nostra regione in materia di appalti è sotto gli occhi di tutti. Le stazioni appaltanti praticano la clausola del massimo ribasso, massimizzando i profitti senza alcun riguardo per i lavoratori e la qualità del servizio.  Quanto sta accadendo in questi giorni a Genova rispetto agli appalti edili del gruppo Iren è invece paradigmatico. Iren persiste nel proprio disegno di massimizzazione dei profitti anche attraverso il risparmio sugli investimenti lordi. Il sindaco Doria è completamente supino a tale disegno condividendo peraltro il licenziamento di 19 lavoratori. Non è sufficiente sostituire la clausola del massimo ribasso con la “condizione economica maggiormente vantaggiosa” se non si prevedono vincoli rispetto alla clausola sociale e al valorizzare le imprese che assumono  lavoratori  disoccupati. Occorre cambiare rotta mettendo al centro il bene comune e la dignità del lavoro. Specialmente in Liguria, e a Genova, dove proprio Iren dovrebbe occuparsi della ripianificazione e rifacimento dell’inefficiente e pressoché inesistente rete fognaria! Prima protagonista dei disastri alluvionali degli ultimi anni. Dove la manutenzione costante, la riqualificazione e un vero efficientamento energetico rimetterebbero in sicurezza il nostro territorio, garantirebbero finalmente l’occupazione e contribuirebbero al risparmio in tasse inutili, pagate a causa di edifici fatiscenti e sistemi di riscaldamento vetusti. Doria dovrebbe fare qualcosa! E subito”.

LASCIA UN COMMENTO