Home Cronaca Cronaca Genova

LAVORATORI AMT. DORIA: “SE AMT NON CAMBIA AUMENTO IMU”

0
CONDIVIDI
doria a tursi con i lavoratori di amt

doria a tursi con i lavoratori di amt doria-tursi-amtGENOVA. 13 NOV. Duro incontro tra un gruppo di lavori di Amt che hanno interrotta la riunione di commissione e il Sindaco Doria.

I lavoratori hanno aperto lo striscione: “No alle privatizzazioni, sì alle vostre dimissioni, Amt, Amiu e Aster non si vendono”.

“O Amt cambia o l’Imu a Genova sarà più cara per tutti perché ogni milione di euro di deficit dell’azienda di trasporto pubblico è un pezzetto di Imu in più”. A parlare è stato il sindaco di Genova, Marco Doria, durante l’incontro con circa 60 lavoratori Amt che hanno invaso Palazzo Tursi facendo sospendere i lavori della commissione comunale.


Alla domanda se Amt verrà privatizzata, Doria ha risposto: “Non lo so, non lo so!”. Per tutta risposta Doria è stato così assalito dai lavoratori con frasi del tipo: “Non vi daremo tregua”, “Traditore”, “Devi trovare i soldi”.

Poi hanno aggiunto: “I lavoratori di Amt pochi mesi fa hanno fatto 8.3 milioni di euro di sacrifici, Comune e Regione non hanno rispettato gli impegni, non hanno patrimonializzato l’azienda”. La risposta di Doria: “Per Amt nel 2013 il Comune di Genova ha dato 30 milioni di euro ai 65 milioni della Regione Liguria, 30 milioni messi da 599.000 cittadini genovesi. Il Comune si è accollato le perdite di Amt. Il problema è che ora ci troviamo di fronte all’essere punto a capo per il 2014: Amt non sarà di nuovo in equilibrio di bilancio e il Comune non avrà a disposizione le stesse risorse del 2013. Se non si farà nulla Amt nel 2014 avrà di nuovo un disavanzo, il Comune non può mettere dei soldi dei cittadini che nel giro di alcuni mesi vengono esauriti. Il patrimonio di Amt negli anni è stato venduto per coprire i debiti.

Infine il gruppo ha abbandonato l’aula con la minaccia di ritornare il giorno successivo in massa.lav-amt-tursi-1 lav-amt-tursi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here