Latte, Toti: altri ululano alla luna, noi troviamo soluzioni

1
CONDIVIDI
Simona Radicci, la rampolla della famiglia di imprenditori che ha salvato il latte della Val Polcevera: domani firma dell'accordo per l'acquisto del latte genovese fino a settembre
Simona Radicci, la rampolla della famiglia di imprenditori che ha salvato il latte della Val Polcevera
Simona Radicci, la “rampolla” della famiglia di imprenditori titolari del Gruppo Caseario Pugliese Conrado, che acquisterà il latte della Val Polcevera: merito dell’assessore regionale Stefano Mai

GENOVA. 11 APR. “Mentre gli altri ululano alla luna la Regione Liguria trova soluzioni. Ora però serve anche un intervento deciso del governo”.

E’ il commento rilasciato oggi dal presidente Giovanni Toti circa la soluzione “tampone” individuata grazie all’assessore regionale all’Agricoltura e Allevamento Stefano Mai e alla Coldiretti Liguria per salvare il latte prodotto dai soci della cooperativa Val Polcevera dopo il mancato rinnovo del contratto di acquisto da parte di Parmalat-Lactalis.

L’accordo, che sarà ufficialmente sottoscritto venerdì prossimo, prevede infatti che il latte venga conferito al Gruppo Caseario Pugliese Conrado, con sede in provincia di Torino, evitando così lo scempio del latte in “concimaia”, come avvenuto in questi giorni.

 

“Per valorizzare i prodotti italiani – aggiunge il governatore Toti – servono regole chiare, in grado di tutelare i nostri produttori, le produzioni e i consumatori che, come in questo caso, hanno tutto il diritto di consumare il latte genovese. Come Regione Liguria ci batteremo affinché questo accada con la speranza – conclude – di non essere lasciati soli come troppo spesso accade”.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO