Largo ai giovani al Conservatorio Paganini

0
CONDIVIDI
Masha Diatchenko
Masha Diatchenko

GENOVA. 16 MAG. Una settimana all’insegna dei giovani e dei giovanissimi quella che impegnerà il Conservatorio “ Niccolò Paganini ” da martedì a domenica.

Martedì 17 maggio  (Accademia Ligustica, ore 16.30) il programma reca il titolo “Giovanissimi in concerto”: protagonisti saranno infatti alcuni studenti che, pur non essendo ancora iscritti ai corsi più avanzati, risultano particolarmente promettenti: Yesenia Vicentini (violino), Anastasia D’Amico e Carola Puppo (violoncello), Davide Marcati e Lorenzo Famà (pianoforte).

Mercoledì 18 maggio Palazzo Reale (ore 17.00) ospiterà l’Orchestra Giovanile Regionale del Conservatorio diretta da Vittorio Marchese che proporrà un programma dedicato a Boccherini e a Grieg.

 

Venerdì 20 maggio  ci si trasferirà in un altro Palazzo storico della città, la Galleria Nazionale Palazzo Spinola di Pellicceria (ore 17): musiche pianistiche di Mendelssohn e Skrjabin interpretate da Alberto Bonifazio, Marco Carino e Simone Ivaldi.

Sabato 21 maggio  il Conservatorio offrirà tre diversi appuntamenti. A Chiavari (Auditorium Filarmonica, ore 17) un gruppo vocale e strumentale interpreterà un programma dal titolo “La canzona dalla strada al concerto”, la vocalità italiana ripercorsa da giovani compositori del Conservatorio. Alle 21,15 al Museo Chiossone, per la notte dei musei, un nutrito gruppo di Ottoni suonerà pagine dal Rinascimento al Novecento. E in Conservatorio, a partire dalle 16  il pubblico potrà seguire uno spettacolo fra musica e parola nato dalla collaborazione fra l’Istituto musicale e l’Università. “La musica sa scavalcar confini”, questo il titolo di un incontro dedicato alla musica nei vari Paesi. Il Conservatorio annovera fra i suoi studenti molti stranieri: l’idea, dunque, è quella di mettere insieme musica colta e musica poplolare delle diverse etnie rappresentate, alternandole a testi poetici che affrontano varie tematiche universali, dalla emigrazione alla guerra, alla pace. Curatori dello spettacolo saranno per il Conservatorio Marco Bettuzzi e Giuseppe Laruccia, per l’Università Francesco De Nicola. Il pubblico ascolterà musiche provenienti da Armenia, Egitto, Perù, Siria, Cina, Bieloriussia, Ucraina, Palestina, Russia, Guatemala, Iran Brasile e naturalmente Italia.

Due concerti, infine, domenica. La mattina al Chiossone (ore 11) si esibirà la pianista ospite Maddalena Giacopuzzi, vincitrice del 53° Concorso “Speranza” di Taranto. Il pomeriggio a Palazzo Tursi (ore 16) si tornerà ai giovanissimi con l’Orhestra Regionale Giovanile e un’ospite d’eccezione: la violinista ventiduenne Masha Diatchenko che dieci anni fa a soli 12 anni si diplomò al Paganini con il massimo dei voti e la lode ed eseguì in concerto i 24 Capricci di Paganini. A Paganini sarà dedicato anche il concerto che segna il suo ritorno a Genova.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

LASCIA UN COMMENTO