Home Spettacolo Spettacolo Italia

L’Altro Volto della Speranza, film intimista dal sarcasmo sociale

0
CONDIVIDI
L'Altro Volto della Speranza, film intimista dal sarcasmo sociale

GENOVA.10 APR. L’Altro Volto della Speranza, (Finlandia, 2016), vincitore dell’Orso d’Argento, come miglior regia, alla 67° Edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, è una di quelle pellicole in cui ti immergi d’un colpo, in quanto densa di eccellente fotografia e solida struttura.

L’impostazione, per quanto sia osannato come film sociale, e’ radicatamente intimista. Nello stile delle inquadrature, di certi primi piani, rievoca il Bergman dei primi tempi, con quell’assetto teatrale tanto caro anche ad Aki Kaurismaki, (Orimattilia, 4 aprile 1957), che ne e’ l’affermato autore. Intenso lo studio psicologico sui personaggi tramite primi piani nel classico segno del Cinema Nordeuropeo, qui contaminato da un certo ammodernamento filmico, su cui si innesta la presenza della Musica, la quale si incarna letteralmente in vari singer del folk finlandese, direttamente ospiti della pellicola.


I personaggi descritti sono cupi, grigi, eppure mai privi di humour, sebbene “nero”. Resta nella memoria una battuta dell’ amico iracheno al protagonista, richiedente asilo:”I malinconici sono i privi che mandano via“, quale monito a cercare di sorridere in una societa’ ordinata è cortese,eppure di piombo.

Veniamo ai protagonisti. Incontriamo Khaled, richiedente asilo siriano, fuggito da Aleppo dopo la distruzione della propria casa e la morte dei propri cari, il quale,oltre a chiedere asilo in Finlandia, cerca con tenacia di rintracciare la sopravvissuta sorella Miriam, persa di vista mentre percorrevano la Rotta Balcanica. Khaled e’ interpretato da Sherwan Haji, attore non professionista, vero rifugiato. Ed ovviamente riesce bene nel ruolo. Il suo volto trasuda veridicità. Khaled rappresenta l’Uomo Giusto, che vorrebbe solo vivere pacificamente in Finlandia, portando la morte nel cuore, perché asserisce davanti alla Commissione per il Riconoscimento dello Stato di Rifugiato che, a seguito della barbara uccisione della famiglia, ha seppellito Dio ed il Profeta e che non segue piu’ la religione, reazione comune a qualunque essere umano sul pianeta, dinanzi ad un dolore troppo grande da decifrare ed elaborare.

Tuttavia l’ essere un Giusto, non gli gioverà ad ottenere l’ asilo politico o costituzionale, anzi! Cosi’ si ritrovera’ da clandestino per Helsinki ed a questo punto la sua vita si interseca con quella dell’altro attore principale, Saraki Kuosmanen, attivo sin dagli anni’80 nelle pellicole di Kaurismaki, il quale interpreta il personaggio di Wilkstrom.

Wilkstrom e’ un bonario uomo d’affari con scarsa felicita’ nel cuore, il quale lascia la moglie dedita all’ alcol, abbandona il suo ruolo da commesso viaggiatore e, con una discreta vincita al gioco, riesce a rilevare un ristorante per nulla rinomato. Qui Aki descrive un bell’ intreccio di umanita’ non felice, ma reciprocamente solidale. Proprio in questo ristorante finira’ con il lavorare anche Khaled da clandestino munito di falsi documentl, fornitigli da un bizzarro adolescente. Tutti i personaggi che si muovono nel ristorante si supporteranno a vicenda, sotto la patriarcale guida di Wilkstrom che effettivamente e’ un imprenditore dall’animo generoso e che alla fine ritroverà l’amore della consorte.

Non manca la descrizione di scene di tensione, espressione della percezione che il regista Aki avverte verso il proprio paese. Apparentemente tollerante, ma non privo della ferocia di alcuni gruppi estremisti, come la fazione di Liberation Army Finland, che aggredirà brutalmente il mite Khaled.

Ma non angustiatevi. Il finale della pellicola per una volta è positivo e sulla rotta di una comprovata speranza, metafora dell’ impegno non tanto dei Governi e delle Istituzioni, quanto dell’accoglienza di singoli individui, indipendentemente dalla societa’ di appartenenza.

Se il vostro cuore è terra arida, andatelo a vedere presto! Ne tornerete più umani.

Romina De Simone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here