Home Cronaca Cronaca Genova

L’AGENZIA DELLE ENTRATE E L’OPERAZIONE “DOTTOR HOUSE” NEI CONFRONTI DI POLIAMBULATORI E STUDI MEDICI

1
CONDIVIDI
revocato lo sciopero dei medici
Un medico di Chiavari è stato accusato da due sue pazienti di averle palpeggiate nelle parti intime, il pm: condannatelo a 3 anni e 8 mesi

GENOVA. 16 AGO. Diagnosi di evasione per gli studi medici. In Liguria l’Agenzia delle Entrate, con l’operazione “Dr. House”, ha controllato poliambulatori e studi associati, specializzati in visite specialistiche, controlli diagnostici e veterinari. Grazie al presidio di cassa, gli ispettori del Fisco hanno constatato come, alla loro presenza, gli incassi delle prestazioni mediche siano lievitati con punte che, in un caso, hanno sfiorato il 100% rispetto ai corrispettivi dei giorni precedenti.

Controlli incrociati, dalla salute al Fisco – I trentaquattro funzionari impegnati nell’operazione, nel pieno rispetto della privacy dei clienti, hanno rilevato irregolarità nell’emissione delle ricevute fiscali. Con il presidio di cassa, i funzionari delle Entrate hanno riscontrato incongruenze tra l’ammontare dei compensi certificati e registrati nel giorno dell’accesso e quelli di analoghe giornate, sia dell’anno corrente sia di precedenti annualità, con scostamenti in media dal 50 al 75% e, in un caso, di quasi il 100%.

Dai controlli sono emerse anche irregolarità nell’indicazione dei dati contabili ed extracontabili rilevanti ai fini degli studi di settore, presentati per le annualità già chiuse. Anomalie la cui correzione porta alla determinazione di maggiori ricavi.
In alcuni casi, inoltre, sono state riscontrate anche violazioni per quanto riguarda la cosiddetta attività intramoenia. In poche parole, a fronte di alcune centinaia di visite effettuate, ne veniva comunicata alla Asl di competenza poco più della metà.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here