LA TRAVIATA INAUGURA LA STAGIONE AL PRIAMAR

0
CONDIVIDI
Grande apertura per la stagione al Priamar
Grande apertura per la stagione al Priamar

SAVONA. 25 GIUG. Dopo la spettacolare apertura di sabato scorso alla Fortezza del Priamar prenderà il via nella serata di giovedì 2 luglio ufficialmente la stagione estiva dell’ Opera Giocosa.

Ad inaugurare la stagione lirica sarà (alle ore 21 e 15) “ La Traviata” di Giuseppe Verdi. Questo spettacolo di anteprima è stato inserito nel progetto “ Due generazioni insieme a teatro”.

Il vero esordio sarà infine giovedì 4 luglio (sempre 21 e 15) quando verrà ripresentato il famoso melodramma in tre atti, libretto di Francesco Maria Piave, tratto da “La Dame aux camélias” di Alexandre Dumas. La Traviata venne rappresentato la prima volta il 6 marzo 1853 al Teatro La Fenice di Venezia. Questi i protagonisti:Violetta Valery (Saioa Hernandez), Flora Bervoix (Adriana Iozzia), Annina (Antonella Romanazzi), Alfredo Germont (Antonio Gandia), Giorgio Germont (Damiano Salerno), Gastone ( Raffaele Feo), Il Barone Douphol (Hyun Kyu Ra), Il Marchese d’Obigny (Michele Patti), Il Dottor Grenvil (Pietro Toscano), Giuseppe (Giampiero De Paoli), Un commissionario (Loris Purpura), Un domestico (Roberto Conti). Maestro Direttore sarà Aldo Sisillo, per la Regia, scene e costumi di Stefano Monti. Suoneranno e canteranno l’ Orchestra ed il Coro della Fondazione Carlo Felice di Genova (Maestro del Coro Patrizia Priarone).

 

L’ allestimento è del Teatro dell’Opera Giocosa. Assistente alla regia: Monique Arnaud. Coreografie: Giovanna Badano. Ballerini: Giovanna Badano, Angelo Lupi. Costumi: Sartoria Arrigo – Milano. Calzature: Epoca – Milano. Parrucche: Audello – Torino. Attrezzeria: Laboratorio del Teatro dell’Opera Giocosa. Lo spettacolo sarà replicato martedì 7 luglio alle ore 21 e 15. A caratterizzare la stagione estiva dell’ Opera Giocosa sarà anche il nuovo accordo fra l’Ente musicale savonese ed Teatro Carlo Felice di Genova.

La Fondazione genovese ed il Centro Sperimentale Lirico-Sinfonico savonese hanno infatti stipulato un importante accordo di collaborazione che per tre anni li vedrà impegnati alla realizzazione di un piano di grandissima rilevanza culturale, confermando così, una volta di più, il proprio forte radicamento nella realtà artistica della Liguria. L’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice saranno così protagonisti delle stagioni estive del Teatro dell’Opera Giocosa allestite, nei prossimi tre anni, sul Piazzale del Maschio, all’ interno della suggestiva Fortezza del Priamàr di Savona. Seguirà “Il Barbiere di Siviglia”, opera buffa in due atti di Gioachino Rossini, su libretto di Cesare Sterbini, dalla omonima commedia di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais, “Le barbier de Seville”, in scena alla Fortezza del Priamàr sabato 11 e domenica 12 luglio (alle 21 e 15). Il 17 luglio è in programma un “Intermezzo” sinfonico, “Nair canta il musical”, concerto con musiche tratte dai più famosi musical di Broadway. Seguiranno mercoledì 29 luglio “Le quattro stagioni” (concerto con musiche di Antonio Vivaldi), Direttore e solista: Ettore Pellegrino, Orchestra Sinfonica di Sanremo; venerdì 31 luglio: concerto dell’Orchestra della Fondazione Teatro Carlo Felice, diretta da Maurizio Billi.

La biglietteria, presso il Teatro Comunale Chiabrera, avrà i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 19. Sarà comunque possibile acquistare il biglietto presso la Fortezza del Priamàr un’ora prima degli spettacoli e direttamente on line sul sito www.operagiocosa.it
Per informazioni, telefonare al numero 019 8485974 oppure al numero 366 6726682. L’ Opzione Last Minute è interessante. Mezz’ora prima dello spettacolo si potrà acquistare il biglietto ridotto al trenta per cento del prezzo intero di vendita. Il numero dei biglietti a disposizione e l’ ubicazione del posto a sedere saranno a discrezione del Teatro.

Il biglietto last minute sarà disponibile esclusivamente nelle sere di spettacolo presso lo sportello situato all’interno della Fortezza del Priamàr.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO