Home Cronaca Cronaca Italia

LA REGIONE CONTRO LA CHIUSURA DEL CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI VILLA AZZURRA A RAPALLO

0
CONDIVIDI

zurra di Rapallo, centro d’eccellenza per la cardiologia in genere e la cardiochirurgia. “La decisione annunciata dai responsabili di Villa Azzurra – si legge nella nota – appare assolutamente immotivata alla luce delle decisioni assunte dalla Giunta Regionale relativamente all’attività programmata per il 2007, in quanto è stato definito un tetto di acquisto di prestazioni da tale struttura del tutto analogo a quello relativo al 2006. Bisogna ricordare che la Regione si muove nell’ambito dei vincoli stabiliti dal Piano di rientro 2007/2009, oggetto dell’accordo sottoscritto con il Governo il 6 marzo scorso,garantendo il rispetto dell’equilibrio economico del sistema e del diritto all’assistenza dei cittadini. In questo quadro di riferimento, che richiede in maniera sempre più stringente una particolare attenzione alle ricadute economiche delle strategie aziendali, con la necessità improcrastinabile di evitare duplicazioni di spesa, è evidente che compito della Regione è quello di far funzionare a pieno regime le strutture di emodinamica per cui sono stati fatti importanti investimenti, con beneficio immediato sull’utenza, non più costretta a trovare le risposte solo in strutture fuori del proprio territorio”. “Villa Azzurra – prosegue la nota – effettua prestazioni di ricovero e cura di pertinenza cardiochirurgica di alta specialità, per le quali la Regione ha previsto per il 2007 un importo pari a € 3.386.850,00, ai quali possono aggiungersi in via eccezionale e derogatoria ulteriori volumi ai fini di far fronte a ulteriori esigenze ovvero per il recupero di quote di mobilità passiva extra regione fino ad un tetto massimo di € 2.294.479,00. Per cui, complessivamente, è stata riconosciuta la possibilità di erogare un volume pari a € 5.681.000;
altre prestazioni di ricovero e cura relative a cardiologia interventistica, emodinamica e riabilitazione cardiologia, per la quali la Regione ha previsto per il 2007 un tetto annuo complessivo a livello regionale di € 4.653.535,00.
Nel fissare i tetti la Regione ha considerato le prestazioni già erogate entro la data del 31/07/07 e le richieste delle ASL liguri per il restante periodo dell’anno, tenuto conto del fatto che le stesse stanno diventando sempre più autonome in particolar modo per ciò che riguarda l’attività di emodinamica.
Alla luce di quanto sopra, l’atteggiamento assunto da Villa Azzurra appare ancor più incomprensibile tenuto conto che in data odierna è stato firmato il contratto per il 2007. Nonostante il carattere ricattatorio della decisione annunciata, la Regione è disponibile a: proseguire il confronto per chiudere il contenzioso sugli anni scorsi, naturalmente nel rispetto delle sentenze dei Tribunali di Savona ed Imperia, entrambi favorevoli alle ASL;
per il futuro, qualora Villa Azzurra si rendesse disponibile, verificare la fattibilità di un progetto integrato pubblico-privato a valere sulle prestazioni di alto interesse regionale, nel rispetto delle prerogative delle due parti, definendo le modalità di accesso alla struttura ed ai percorsi di cura ed i controlli sulla appropriatezza delle prestazioni erogate”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here