La rassegna autunnale dell’Associazione Anfossi dedicata a Gyorgy Kurtág

0
CONDIVIDI
La rassegna autunnale dell’Associazione Anfossi dedicata a Gyorgy Kurtág

GENOVA. 29 SET. Domenica 16 ottobre a Palazzo Tursi nell’ambito dei “Rolli Days” riparte la rassegna autunnale dell’Associazione Anfossi, facente parte del ciclo L’Antico e il Nuovo 2016, ed incentrata sulla musica del ‘900 storico e contemporaneo.

Quest’anno si celebrerà il grande compositore ungherese Gyorgy Kurtág. Attraverso le sue opere e la sua figura si avrà modo di conoscere uno dei massimi compositori viventi che quest’anno celebra il suo 90° compleanno.

L’iniziativa vede la collaborazione con Milano Musica, una delle più prestigiose istituzioni nel campo della musica contemporanea. Kurtág viene presentato nel quadro della musica contemporanea con quattro concerti di rilievo che portano dal ‘900 storico al contemporaneo, da Faurè ai giorni nostri.

 

La rassegna si apre appunto domenica 16 ottobre con il Duo Debora Brunialti & Paola Biondi, pianoforte a quattro mani, introdotto dal musicologo Guido Barbieri.  Si tornerà poi nel suggestivo Museo di Storia Naturale il 22 ottobre con le musiche di Claudio Livio Bressan, neurologo e compositore, che ci calano nell’assoluto contemporaneo in dialogo con la scienza e con la poesia. Con la collaborazione consolidata con Rive Gauche Concerti per Musiche in Mostra, l’Anfossi presenta i due concerti del 29 ottobre e 5 novembre, in una dimensione di stimolante contemporaneità che connette la sfera della visione a quella dell’ascolto.

Nel concerto finale suoneranno i musicisti del MDI Ensemble, e insieme con loro, la pianista genovese di grande talento Ljuba Moiz.  Ljuba Moiz, membro del nostro consiglio direttivo dell’Associazione, ha studiato con Kurtág e mantiene tuttora un rapporto di amicizia. La sua conoscenza diretta del compositore permetterà di approfondire sia la poetica musicale che la sensibilità dell’uomo e consentirà tra l’altro di usufruire di una serie di documenti e filmati di grande interesse.

Il concerto finale del 19 novembre, il quinto, offre le pagine più significative delle sue composizioni pianistiche e da camera accanto a quelle di altri compositori che ruotano intorno alla sua figura pur con linguaggi diversi. Sarà preceduto da una conferenza introduttiva alla Biblioteca Berio, tenuta dalla compositrice genovese Carla Magnan, dal critico musicale del Secolo XIX Edwin Rosasco, e dalla pianista Ljuba Moiz.

Tutti i concerti si svolgono nei Musei: Musei di Strada Nuova-Palazzo Tursi, Museo Chiossone, Museo di Storia Naturale. Oltre al godimento della musica c’è quello dello splendore delle sedi, per i genovesi e anche per i turisti. Prosegue la collaborazione con la biblioteca Berio che offre non solo la sala ma anche supporto informativo con piccole mostre e bibliografie. In questa rassegna i concerti saranno alle 16.30, tranne quello di inaugurazione il 16 ottobre, che si svolgerà di domenica alle 20.30, e quello di chiusura sabato 19 novembre alle 20.30.

L’ingresso ai concerti è gratuito per favorire l’accesso da parte di tutti.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO