La Prefettura ha controllato o si è dimenticata della Iplom?

0
CONDIVIDI
Il prefetto Fiamma Spena firma l'accordo sui migranti con il sindaco Marco Doria: e la tutela dell'ambiente?
Il prefetto Fiamma Spena firma l'accordo sui migranti con il sindaco Marco Doria: e la tutela dell'ambiente?
Il prefetto Fiamma Spena impegnata con Doria a firmare il protocollo a favore dell’accoglienza degli immigrati. Prevenzione e controllo per la tutela dell’ambiente e della salute dei genovesi non sono altrettanto importanti?

GENOVA. 21 APR. Secondo un documento ufficiale pubblicato sul sito web della Prefettura di Genova, il rappresentante del governo “predispone i piani di emergenza esterna per le industrie a rischio di incidente rilevante”: 32 in Liguria, di cui 20 come la Iplom (fonte ministero dell’Ambiente).

L’ex prefetto Musolino il 10 luglio 2012 aveva firmato l’atto di approvazione del Piano di Emergenza Esterna della Iplom, che tuttavia prevedeva “aggiornamenti, esercitazioni e formazione”. Ma da allora, non risultano pubblicate le notizie di altre attività in tal senso.

La Iplom ha riferito di avere inoltrato alla Prefettura tutta la documentazione e di essere in regola.

 

Dall’atto ufficiale prefettizio, si evince che il PEE “deve essere inoltre sperimentato entro 3 (tre) anni dall’emanazione per testare sia il livello di efficacia dello (stesso, ndr) sia il livello di efficienza dei vari soggetti chiamati alla sua attuazione”.

Tuttavia, sul sito online di Iplom e su quello della Prefettura di Genova, da una breve ricerca non appaiono i resoconti di sperimentazione, test, esercitazioni esterne, aggiornamenti del PEE dal 2012.

Infatti, sempre secondo l’atto approvato da Musolino: “Il PEE sarà riesaminato, sperimentato e, se necessario, riveduto ed aggiornato ad intervalli comunque non superiori a tre anni (art. 20 comma 3 del D.Lgs. 334/99 e s.m.i.). In particolare, il presente PEE deve essere riesaminato ogni 3 (tre) anni, e riveduto ed aggiornato a seguito di:
• modifiche impiantistiche e/o gestionali interessanti lo stabilimento;
• accadimento di quasi incidenti ed incidenti rilevanti verificatisi nello stabilimento;
• esercitazioni periodiche effettuate qualora abbiano evidenziato la necessità di
migliorare le azioni previsti dal PEE stesso.
L’aggiornamento del PEE è curato dalla Prefettura di Genova, in collaborazione con gli enti e le
istituzioni che hanno partecipato alla stesura dello stesso”. Fabrizio Graffione

http://www.prefettura.it/FILES/AllegatiPag/1178/PEE-Iplom-SpA-Genova.pdf

 

LASCIA UN COMMENTO