Home Cronaca Cronaca Genova

La polizia sgomina banda di topi d’appartamento albanesi

0
CONDIVIDI
Arrestati topi d’appartamento albanesi: avevano ancora il bottino

GENOVA. 14 DIC. Nella serata di ieri la polizia ha arrestato nella flagranza del reato di furto in abitazione pluriaggravato in concorso, cinque albanesi.

I topi d’appartamento albanesi tutti residenti a Sampierdarena, hanno età compresa tr ai 18 e i 34 anni, tutti incensurati ed uno solo di essi in possesso di permesso di soggiorno, mentre sugli altri sono in corso approfondimenti per verificarne la regolarità della presenza sul territorio nazionale.

Gli stranieri sono stati sorpresi subito dopo aver commesso un furto in un’abitazione di Campomorone, frazione Langasco.


La banda, dopo essersi introdotta nell’abitazione, forzando la tapparella e la porta finestra della cucina ed aver bloccato la porta di ingresso al fine di evitare l’eventuale rientro dei proprietari, hanno forzato la cassaforte e rovistato nei cassetti asportando numerosi oggetti preziosi e delle banconote inglesi.

Poi si erano allontanati velocemente con un’Audi A4 sulla quale poi sono stati bloccati nella zona di Bolzaneto.

A bordo dell’auto sulla quale i cinque viaggiavano, è stato  rinvenuto e sequestrato materiale per il travisamento, guanti ed attrezzi effrattori.

E’ stata anche recuperata la refurtiva consistente in diversi monili in oro e nelle banconote inglesi.

Nelle perquisizioni effettuate presso le abitazioni occupate dagli arrestati, venivano rinvenuti e sequestrati numerosi oggetti preziosi, orologi di pregio, telefonini, iPad ed altri oggetti ritenuti provento di furti commessi nei giorni precedenti e la somma di circa 3.500 euro che si ritiene essere il controvalore della ricettazione di preziosi anch’essi provento di furto in abitazione.

Al termine degli atti di rito, gli arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale di Marassi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Sono in corso indagini tese a riscontrare la commissione di furti da parte degli arrestati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here