Home Cronaca Cronaca Genova

La polizia lo accompagna a casa ubriaco e scopre l’amico spacciatore algerino

0
CONDIVIDI
Dosi di coca (foto d'archivio)

GENOVA. 12 LUG. La polizia ha arrestato un 37enne algerino, privo di documenti e senza fissa dimora, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

Ieri sera una volante è stata inviata in Salita San Bartolomeo del Carmine dove era segnalata la presenza di un ubriaco che importunava i passanti. L’italiano di 56 anni ha rifiutato l’intervento del 118, dicendo che doveva andare a casa ad aspettare un amico.

Siccome non aveva documenti con sé, gli agenti lo hanno accompagnato presso la sua residenza in Salita dell’Olivella per poterlo identificare e sanzionare per ubriachezza.


Appena entrati nell’appartamento però, i poliziotti hanno notato uno straniero seduto nell’ingresso che, con scatto fulmineo, ha afferrato 3 involucri dal tavolo e li ha infilati in tasca dirigendosi velocemente verso il bagno.

Raggiunto dagli agenti, prima ha tentato di disfarsi delle 3 dosi di eroina che aveva in tasca e di ingoiare un grosso pacchetto senza riuscirci. Poi, per guadagnarsi la fuga, si è scagliato contro le divise.

Una volta bloccato e neutralizzato l’immigrato, i poliziotti hanno constatato che all’interno del grosso involucro vi erano ben 36 dosi (21,49 gr totali) di sostanza derivante dagli oppiacei.

Nell’operazione sono stati sequestrati anche 2 bilancini di precisione, un ulteriore dose di cocaina e 60 euro. L’algerino è stato rinchiuso a Marassi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here