LA POLFER INTITOLA A VERDUCI PUNTO DI VISIBILITA’ A PRINCIPE

0
CONDIVIDI
polfer-giuseppe-verduci

polfer-giuseppe-verduciGENOVA. 27 GIU. E’ stato ieri inaugurato ed intitolato alla memoria del Vice Brigadiere Giuseppe Verduci, in occasione del 41° anniversario dalla tragica morte in servizio, il nuovo punto di visibilità della Polizia Ferroviaria presso la Stazione FS di Genova P. Principe.

L’ufficio, recentemente ristrutturato ed ubicato in posizione centrale, vuole costituire un punto di riferimento chiaro e visibile per i cittadini in transito in stazione, consentendo alla Polizia Ferroviaria di fornire una risposta, in termini di sicurezza e prossimità, sempre più tempestiva ed efficace.

Dall’inizio dell’anno sono 1.076 servizi di vigilanza in stazione e 37 quelli a bordo treno svolti dalla Polizia Ferroviaria che opera a Genova P. Principe, che ha effettuato 1.738 controlli a persone sospette, con 4 arrestati e 29 indagati.

 

Durante la cerimonia la nipote di Verduci ha ricordato il nonno, deceduto in servizio, leggendo un tema composto dopo il tragico evento dalla madre, quando aveva soli 8 anni, intitolato “Il lavoro del babbo”.

Hanno preso la parola il Dirigente del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Liguria, Pasquale Di Donato, il Direttore del Servizio Polizia Ferroviaria, Armando Nanei, il Questore di Genova, Vincenzo Montemagno, il responsabile RFI locale, Vincenzo Macello, e, a conclusione degli interventi, il Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato, Roberto Sgalla.

Giuseppe Verduci, Medaglia d’Argento al Valor Militare “alla memoria” promosso al grado di Vice Brigadiere per merito straordinario, era un Appuntato del Corpo delle Guardie di P.S. che il 26 giugno di 41 anni fa venne assassinato da quattro rapinatori a bordo del treno Roma-Genova sul quale stava effettuando un servizio di scorta.

Il poliziotto, sorpresi i malviventi all’interno del vagone postale, intervenne per interromperne l’azione criminale, ma fu ferito ad una gamba a colpi di arma da fuoco e, ancora vivo, venne gettato dal treno in corsa, finendo travolto da un convoglio merci procedente sul binario opposto.

LASCIA UN COMMENTO