La pacifica invasione di Vespa a Rossiglione in raduno nazionale

0
CONDIVIDI
A Rossiglione il raduno nazionale della vespa
A Rossiglione il raduno nazionale della vespa
A Rossiglione il raduno nazionale della vespa
A Rossiglione il raduno nazionale della vespa
A Rossiglione il raduno nazionale della vespa

GENOVA. 18 LUG. Si è svolto a Rossiglione, oltre il valico del Passo del Turchino, il raduno nazionale dedicato al veicolo a due ruote più famoso in assoluto: la Vespa Piaggio.

Una kermesse di due giorni che ha visto oltre cinquecento partecipanti provenienti da tutta Italia per celebrare la passione per questo mezzo unico, un nome che è saldamente ancorato nell’immaginario collettivo di chiunque.

La manifestazione è stata organizzata dal Vespa Club Genova e dal Vespa Club Ovada che hanno unito gli sforzi per offrire ai vespisti un evento degno di nota. Importante presenza al raduno è stata quella del Museo Passatempo di Rossiglione, grande raccolta di oggetti del Novecento, che ha allestito una mostra monotematica sulla Vespa che terminerà ad aprile del prossimo anno. Da segnalare la Vespa 50 PK bianca sulla quale tutti i partecipanti hanno apposto una firma; il mezzo verrà espsosto nelle sale del museo, a testimonianza dell’evento.

 

Due giornate all’insegna del tempo splendido hanno visto una lunga serie di giochi per i partecipanti quali la gara di lentezza, una gimkana in sella alla propria Vespa con un particolare cappello pieno di bicchieri d’acqua pronti a rinfrescare i piloti meno delicati e molto molto altro. Un piccolo mercatino di ricambi ha destato interesse per chi fosse alla ricerca di un oggetto mancante per il proprio scooter.

Il sabato il lungo serpentone di motoveicoli si è snodato in direzione Molare per un aperitivo tutti insieme, al rientro spaghettata e poi toga-party in pieno stile college americano con annesso concerto. La domenica, momento di maggiore affluenza, ha visto code di appassionati ai giochi ed agli stand gastronomici che offrivano caffè, bevande ed un molto apprezzato Nutella-party.

In mattinata le Vespa si sono mosse in direzione di Tiglieto, dove nella splendida cornice dalla Badia, hanno potuto sostare per consentire ai partecipanti di chiacchierare davanti ad un aperitivo. Al termine, consueta premiazione dei molti Vespa club provenienti da tutta la Penisola.

Il pranzo a Rossiglione ed i saluti finali hanno chiuso l’evento che ha ripagato gli organizzatori del grande sforzo fatto. Vespa, a settant’anni dalla nascita riesce ancora a mantenere un enorme interesse ed auna immensa passione tra le varie generazioni. Non solo adulti ma anche giovani si avvicinano al mondo delle due ruote basse, grazie a questo mezzo semplice ma in grado di dare enormi soddisfazioni. Un popolo variegato quello dei Vespisti, che si suddivide tra collezionisti ed instancabili viaggiatori, oppure tra fanatici del mezzo originale e estrosi della “customizzazione”. Un mondo affascinante e positivo, che riesce ad unire nel segno della passione comune, che grazie ad eventi come questo valorizza un prodotto unico e crea interesse attorno ai luoghi della Liguria.

Roberto Polleri (foto di Alessandro Polleri)

LASCIA UN COMMENTO