La Fondazione De Mari dona simulatore tac al San Paolo

0
CONDIVIDI
Il Simulatore Tac donato dalla Fondazione De Mari all'Ospedale di Savona
Il Simulatore Tac donato dalla Fondazione De Mari all'Ospedale di Savona
Il Simulatore Tac donato dalla Fondazione De Mari all’Ospedale di Savona

SAVONA. 16 MAG. La “Fondazione A. De Mari” ha donato alla Radioterapia dell’Ospedale San Paolo di Savona un nuovo simulatore-tac, installato in tempi veloci dalla ditta Siemens e già funzionante.

L’apparecchiatura, che sostituisce quella ormai obsoleta, consente di ridurre in modo significativo i disagi dei pazienti che si sottopongono a trattamenti radioterapici.

Grazie al nuovo simulatore-tac infatti le operazioni preliminari alla terapia, cui il paziente deve sottoporsi, saranno più veloci e precise, consentendo di migliorare anche le fasi successive del trattamento.

 

L’apparecchiatura donata, il cui valore è pari a € 150.000,00, è sostanzialmente costituita da un tomografo assiale a 24 strati, in grado di effettuare gli esami in tempi ridotti con una riproducibilità di posizionamento del paziente inferiore ad 1 mm, ed è dotata di una zona esame di ampio diametro per fornire un adeguato comfort del paziente.

A breve inoltre, non appena terminate le operazioni di dosimetria effettuate dal Servizio di  Fisica Sanitaria, la Struttura di Radioterapia, diretta dal dott. Renato Chiarlone, dovrebbe poter utilizzare anche il secondo nuovo Acceleratore, disponendo quindi di due Acceleratori prodotti dalla Varian, modello Trilogy. Questo consentirà un ulteriore miglioramento per i pazienti dell’accesso alla cura vera e propria, potendo disporre di due apparecchiature di nuova generazione.

“I miei collaboratori ed io siamo orgogliosi di poter dare ai nostri pazienti, spesso già provati da un percorso difficile, un servizio di cura e trattamento di alta professionalità”. Riferisce il dott. Chiarlone “ringraziamo la Fondazione, sempre disponibile ed attenta alle necessità della sanità savonese, per il contributo importante che ha voluto donare a questa struttura che si rivolge a tutta la popolazione della provincia di Savona e non solo”.

LASCIA UN COMMENTO