Home Hi-Tech Hi-Tech Genova

L’ OSSERVATORIO DEL RIGHI AL FESTIVAL DELLA SCIENZA 2014

0
CONDIVIDI

osservatorio righiGENOVA. 21 OTT. Come ogni anno in occasione del Festival della Scienza (24 ottobre – 2 novembre), l’Osservatorio Astronomico del Righi segnala gli eventi che ha preparato per questa edizione.

La mostra didattica “il Giardino del Sole” ospitata nel giardino antistante l’Osservatorio Astronomico del Righi, oltre a prevedere l’osservazione del Sole e dei fenomeni che vi si sviluppano tramite speciali telescopi solari e gli exibit permanenti  quest’anno si arricchisce di un nuovo percorso dal titolo “Antikythera, la macchina delle stelle”.

All’inizio del XX secolo, nel relitto di un naufragio avvenuto nel mar Egeo nel I secolo a.C., è stato ritrovato uno dei più straordinari strumenti dell’antichità: il meccanismo di Antikythera, un complesso e in parte misterioso planetario meccanico in grado di rappresentare l’armonioso moto degli astri sulla volta celeste.


Sulla base di questo spunto l’Osservatorio Astronomico del Righi propone un viaggio alla scoperta di come nel passato veniva praticata la misura del tempo attraverso le stelle e i corpi celesti e all’interno dell’Aula Planetario sarà possibile osservare un filmato che illustra il funzionamento di tale antica macchina.

La mattina di sabato 1 novembre sarà presente Massimo Mogi Vicentini (Planetario di Milano) che ha realizzato un modello meccanico funzionante unico al mondo della Macchina di Antikythera.

In questa particolare occasione il modello della macchina, che può essere considerata il primo planetario meccanico della storia ,verrà esposto al pubblico dei visitatori dell’Osservatorio e verrà illustrato di persona da Mogi Vicentini. Collegata alla mostra sarà la conferenza “La macchina celeste di Antikythera” che si svolgerà sabato 1 novembre alle ore 16 presso il Museo di Storia Naturale G. Doria e che verrà tenuta proprio da Massimo Mogi Vicentini del Planetario di Milano che avrà con sé il modello della macchina. Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Fanno parte del programma di quest’anno tre appuntamenti serali osservativi che si svolgeranno in Osservatorio rispettivamente martedì 28 ottobre, giovedì 30 ottobre e sabato 1 novembre, a partire dalle ore 21.00. Gli appuntamenti osservativi, che abbiamo intitolato “Anni luce, il tempo che misura lo spazio” (http://www.festivalscienza.it/site/home/programma/eventi-per-tipo/eventi-speciali/anni-luce.html) oltre all’osservazione al telescopio dei corpi celesti tipici dell’autunno come la famosissima galassia di Andromeda prevedono una parte laboratoriale sulla misura della velocità della luce che ripercorrerà la storia di come si è riusciti a misurare la sua incredibile velocità pari, lo ricordiamo, a quasi 300.000 km/s nel vuoto. Verranno formati sul momento turni di visita di max 15 persone per turno di circa 30 minuti ciascuno, riservati ai possessori di biglietto o abbonamento Festival.

Insieme con l’INAF – Istituto Nazionale di Astrofisica e con l’Associazione SOFOS di Bologna, l’osservatorio del Righi ha collaborato alla serie di attività e di proiezioni che si svolgeranno sotto la cupola del planetario digitale che verrà montato nel porticato di Palazzo Ducale. Francesca Camponero

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here