L’ omaggio di Kevin Flynn a Borgomaro

0
CONDIVIDI
Uno dei lavori in mostra

Uno dei lavori in mostra
Uno dei lavori in mostra

IMPERIA. 26 LUG. Una serie di opere, che rappresentano il lavoro, realizzato con passione in dieci anni, dall’ artista inglese Kevin Flynn, verranno esposte al pubblico venerdì 5 agosto (il via all’ inaugurazione è previsto per le ore 17 a palazzo Doria). Si tratta della mostra “Dalla terra alla luce”, che presenterà, nelle sale ristrutturate dello splendido palazzo Doria, ex sede del Municipio, i lavori che l’artista inglese ha prodotto a Borgomaro negli ultimi dieci anni. Le opere, che sono un vero e proprio omaggio a Borgomaro, vengono ispirate dalle tradizioni e dalla cultura del paese, in stretto rapporto con la natura, la vita ed il lavoro degli abitanti di Borgomaro, piccolo e splendido comune dell’ entroterra imperiese . Sono oggetti ed opere che vogliono celebrare la ricca storia di questo comune ligure.

“Un elenco infinito di materiali scartati- spiega il noto critico Hans-Bernhard Nordhoff- raccolti nelle cantine e nella terra: strumenti, ghiaia, cenere, attrezzature da vino o olio, qualunque cosa trovata che possa essere interessante. L’artista assembla i frammenti dimenticati dando loro voce e compone intere frasi per permettere finalmente che gli oggetti raccontino le loro vite passate. Le tracce dell’ uso non sono nascoste o eliminate, l’ artista con il suo personale e unico processo di trasformazione dei frammenti celebra e conserva la loro storia. Il ché consente allo spettatore di sperimentare l’autenticità e di unirsi all’artista nel celebrare con lui le tradizioni universali della gente di Borgomaro”.

Con il sostegno del Comune di Borgomaro, la mostra “Dalla terra alla luce” si svolge nella sede del vecchio Comune, che è stato per molto tempo il centro della vita di paese.

 

“Nelle undici sale di questa villa-palazzo costruita nel tipico stile ligure- cocnlude Hans-Bernhard Nordhoff- Flynn porta terra, fuoco e cenere alla luce, meravigliosamente disposti in armonia sia con il palazzo che con il villaggio stesso: da non perdere la stanza del Sole dove le opere sono presentate in una sala circondata su tre lati da splendide vedute del villaggio”.

Per avere maggiori informazioni sulla mostra e sull’ artista è possibile consultare il sito www.dallaterra-flynn.com
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO