Jihadisti arrestati, Piana: immigrazione incontrollata storico errore

2
CONDIVIDI
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana

GENOVA. 27 LUG. «Immigrazione incontrollata è storico errore, che prima o poi pagheremo caro».

Lo ha dichiarato oggi il capogruppo regionale del Carroccio Alessandro Piana, che è intervenuto sull’arresto dei sospetti terroristi islamici nell’entroterra di Albenga.

«Ringraziamo – ha aggiunto Piana – prima di tutto le nostre forze dell’ordine e l’Intelligence italiana, con gli investigatori della Polizia Postale di Imperia per l’ottimo lavoro svolto. Le notizie di reclutamenti ed affiliazioni di immigrati ad organizzazioni terroristiche islamiche sono all’ordine del giorno, ma quando interessano anche il nostro territorio, c’è sempre stupore. Invece, non dobbiamo sorprenderci. Piuttosto, occorre tenere alta la guardia anche per i casi come quello di Castelbianco, un piccolo paese dell’entroterra di Albenga, dove la polizia ha arrestato due marocchini sospetti terroristi e denunciata una terza persona, peraltro con precedenti penali.

 

Dalle indagini, è inoltre emerso che una ragazza aveva prestato il suo smartphone ad uno dei marocchini all’interno di una struttura di accoglienza per sedicenti profughi perché, in sostanza, le aveva detto di dover contattare solo dei conoscenti al suo Paese.

Scoprire che anche nelle province liguri si reclutano potenziali pericolosi jihadisti, non fa dormire sonni tranquilli. Anziché pensare a fare i buonisti, chi ci governa dovrebbe interessarsi più che altro alla sicurezza collettiva e potenziare i servizi di Intelligence, i quali sono qualitativamente tra i migliori al mondo e rappresentano la nostra prima linea di difesa.

Inoltre, Renzi, Alfano e il centrosinistra, dovrebbero fare un’ampia riflessione, riconsiderando seriamente le politiche estere e di immigrazione. Anni di accoglienza incontrollata, in questi ultimi tempi stanno dando i loro amari e pericolosi frutti in tutta Europa. La Francia , oggi, un giorno dopo l’altro, sta pagando a carissimo prezzo, a distanza di decenni, i suoi errori sull’immigrazione. Noi potremmo pagarli in un lasso di tempo molto inferiore perché i fenomeni geopolitici attualmente sono più veloci e pericolosi».

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO