Iren, sciopero con presidio lavoratori in piazza Corvetto, disagi

1
CONDIVIDI
Il presidio dei lavoratori Iren
Il presidio dei lavoratori Iren
Il presidio dei lavoratori Iren

GENOVA. 15 FEB. Sciopero e presidio dei lavoratori Iren Genova e degli Edili in piazza Corvetto e via SS. Giacomo e Filippo.

Lo sciopero dei lavoratori è contro “La politica degli Ordini di Servizio e delle decisioni imposte dai vertici aziendali senza confronto con i lavoratori” e a favore “di una politica aziendale  che invece di tagliare indiscriminatamente, mette a rischio interi reparti  riordini le attività seriamente e garantisca la qualità dei servizi erogati alla cittadinanza e la sicurezza nel lavoro” il tutto a tutela “del mantenimento sul nostro territorio di adeguati livelli occupazionali atti a garantire le professionalità necessarie alla corretta gestione delle reti e degli impianti” mantenendo la “dignità dei lavoratori e dei diritti dei giovani assunti” ed “un servizio adeguato nei nostri servizi essenziali”.

La Rappresentanza sindacale lamenta una “totale assenza di comunicazione e confronto con l’azienda”. “Abbiamo la sensazione – dice l’Rsu – che i vertici aziendali abbiano imposto il silenzio anche ai nostri dirigenti. Non conosciamo il nostro futuro di lavoratori, non c’è un ricambio generazionale i vecchi vanno in pensione e i giovani non vengono assunti. Si parla di tagli di turni soprattutto serali: in caso di emergenza si riperquoterà il tutto sull’utenza”.

 

Attualmente risulta bloccata la zona da via Roma, piazza Corvetto, via Assarotti e SS. Giacomo Filippo con ripercussione nelle zone adiacenti.

AGGIORNAMENTO. Il presidio non è più presente in piazza Corvetto con la circolazione che è tornata fluida. Il presidio dei lavoratori Iren

1 COMMENTO

  1. W i privati!!! Chi non ci sta…se ne deve andare!! Facessero tutti come quell’industriale che a Natale ha fatto un…regalo a tutti quelli che facevano troppa mutua e poi si veniva a sapere che non erano ammalati!! Si potrebbe fare giustizia sui colleghi onesti!!

LASCIA UN COMMENTO