Invasione di topi sotto casa: Aster non ha tappi per chiudere i tombini

0
CONDIVIDI
Vico Dragone nel centro storico genovese
Vico Dragone nel centro storico genovese
Vico del Dragone nel centro storico genovese

GENOVA. 11 MAG. Non solo violenza, degrado, insicurezza e schiamazzi. Ora sotto casa dei residenti dei caruggi c’è pure l’invasione di topi. Lo hanno denunciato alcuni cittadini di vico del Dragone, che l’altro giorno, insieme a quelli del Comitato di Sarzano, hanno raccolto 50 firme, ossia le famiglie abitanti in due palazzi, per denunciare le criticità della zona.

“Ho chiamato personalmente la polizia municipale del reparto ambiente – ha spiegato oggi il portavoce del Comitato di commercianti di Sarzano Claudio Garau – alla quale si è unita la sezione centro storico per un intervento viste le condizioni igenico sanitarie pessime. L’altro giorno c’è stato uno sversamento di liquidi oleosi, che rendeva la già compromessa pavimentazione stradale un vero e proprio pericolo per gli anziani e anche per i più giovani. La presenza costante di topi, che ormai hanno invaso il vicolo e arrivano a frotte, anche per la negligenza di ASTER che in zona lascia i tombini delle fogne scoperti, dichiarando ai residenti che non hanno tappi per chiuderli, aumenta la criticità della zona. Di notte, nel fine settimana, i topi la fanno da padrone insieme ai balordi e il vico Dragone diventa terra di nessuno”.

“Lo scorso venerdì – ha aggiunto Garau – un residente colpevole solo di voler dormire ha urlato dalla finestra a 4 balordi ubriachi, che per tutta risposta gli hanno lanciato dei sassi, fratturandogli una mano. Incuria, assenza di controllo e scarsi mezzi di prevenzione, riducono il vicolo storico che porta in piazza delle lavandaie un tratto di caruggi dimenticato dal Comune, dove i residenti più anziani fanno fatica a camminare facendo lo slalom fra i topi. Quando cala il buio si deve stare attenti anche a urlare un timido basta! perché si rischia la lapidazione dai balordi.

 

Siamo forse davanti a delle sconfitte della società o delle forze di polizia che ridotte al lumicino fanno eroicamente il loro lavoro, ma sono carenti di organico e mezzi? Noi come sempre possiamo dire grazie a chi ci ascolta e ci aiuta nel duro compito di non far definitivamente affondare i caruggi”.

 

LASCIA UN COMMENTO