Home Cronaca Cronaca La Spezia

Intensa attività della Capitaneria di La Spezia

0
CONDIVIDI
Intensa attività della Capitaneria di La Spezia

LA SPEZIA. 17 LUG. Impegnativo weekend, quello appena trascorso, per il personale della Capitaneria di Porto della Spezia e degli Uffici locali marittimi della provincia del levante ligure, che hanno svolto un’intensa attività di controllo, monitoraggio e salvaguardia della vita umana in mare a favore di bagnanti e diportisti.

Diverse le richieste pervenute al numero blu “1530” che hanno visto il personale imbarcato sui mezzi navali impegnato in attività di soccorso alle persone a bordo di unità da diporto in difficoltà.

Tra queste, un natante con motore in avaria che imbarcava acqua presso la foce del fiume Magra soccorso dal battello GC B10 ed una piccola unità rovesciatasi in mare tra Monterosso e Vernazza, dove è intervenuto il battello GC B17.


Tutti i soccorsi si sono conclusi in modo positivo. Le persone a bordo delle rispettive unità sono state tratte in salvo e portate a terra in buono stato di salute.

Da questo sabato è inoltre iniziata la collaborazione tra la Capitaneria di porto spezzina e il Servizio Sanitario Nazionale che prevede l’impiego, nei prossimi weekend e festivi, a bordo della motovedetta destinata al soccorso denominata “CP 865”, di personale sanitario del 118 pronto ad intervenire già nelle primissime fasi del soccorso in mare.

Continuano, inoltre, i controlli lungo il litorale alle unità da diporto nonché alle unità da trasporto passeggeri dirette a Porto Venere, in Palmaria e alle Cinque Terre svolti da personale della Capitaneria di porto per verificare il rispetto delle norme in materia di sicurezza della navigazione.

Nell’ambito di tali controlli, sono stati elevati due verbali ad unità in sosta senza la prescritta autorizzazione all’interno del campo boe del “Seno del Canneto”, undici verbali per la violazione del regolamento dell’Area marina protetta delle Cinque Terre, cinque sanzioni per la violazione dell’ordinanza relativa al sito archeologico della “Caletta di Lerici”, quattro sanzioni per mancato rispetto della normativa sulla nautica da diporto, un verbale per violazione dell’ordinanza di sicurezza balneare.

Particolare attenzione è stata prestata al rispetto dei limiti di velocità in mare: nella giornata di domenica, è stata svolta nel Canale di Porto Venere l’attività di “barcavelox” attraverso l’impiego di Telelaser, che ha portato a sanzionare due unità per il superamento della velocità consentita.

Effettuati controlli anche in materia di pesca nei confronti di pescatori sportivi sia lungo i moli, dove l’attività è consentita- sia in mare, al fine di verificare il rispetto delle norme a tutela delle specie ittiche.

A tal proposito si ricorda che, al momento, è consentita la pesca ricreativa del tonno rosso con la prevista autorizzazione rilasciata dalla Capitaneria di Porto. In caso di cattura di un esemplare, va immediatamente data comunicazione all’Autorità marittima del porto di sbarco del pescato.

La Guardia Costiera ricorda, inoltre, che entro le 24 ore successive alla cattura del tonno rosso va compilata la dichiarazione di cattura come da ordinanza n. 115/2010 della Capitaneria di porto della Spezia consultabile sul sito www.guardiacostiera.gov.it/la-spezia nella sezione ordinanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here