Insulta, non cucina e lo fa vivere nello sporco: moglie nei guai

2
CONDIVIDI
Guai non essere in grado di cucinare il minestrone col pesto alla genovese: si rischia di finire a processo per maltrattamenti in famiglia
Guai non essere in grado di cucinare il minestrone col pesto alla genovese: si rischia di finire a processo per maltrattamenti in famiglia
Guai a non essere in grado di cucinare il minestrone col pesto alla genovese: si rischia di finire a processo per maltrattamenti in famiglia

LATINA. 6 FEB. Gossip. Ha denunciato la moglie 40enne perché lo insultava spesso, non cucinava e lo faceva vivere nella sporcizia. Talvolta lo aveva lasciato fuori dalla camera da letto, costringendolo a dormire sul divano. La scansafatiche non aveva neppure voglia di lavorare ed era mantenuta dal marito. Insomma, voleva tornare a fare la bella vita da ragazzina. Lui, invece, a 47 anni si spaccava la schiena tutto il giorno, non la tradiva e portava soldi e cibo a casa.

I giudici, pertanto, l’altro giorno hanno deciso di rinviare a giudizio la mogliettina per maltrattamenti in famiglia. La donna rischia una condanna fino a sei anni di reclusione, ma è probabile che tutto finisca in una bolla di sapone. Il fatto è avvenuto a Latina.

Chissà se qualche ligure, costretto a mangiare cibo surgelato e scontento della compagna incapace di cucinare il minestrone col pesto alla genovese, arriverà al punto di seguire l’esempio dell’ostinato marito laziale.

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO