Insicurezza Certosa, Piana a Doria: perché non fai qualcosa?

5
CONDIVIDI
rapina-siringa
Un uomo di 50 anni è stato trovato morto per overdose nell'area della fabbrica abbandonata di Quarto. Nel palazzo della ex Fischer in via Romana della Castagna rifugio di drogati e immigrati clandetsini spacciatori
rapina-siringa
Zingari, immigrati, ubriachi e tossici. Da Facebook a Tursi, i residenti di Certosa lanciano l’allarme sull’insicurezza del quartiere. Il caso finisce in Sala Rossa

GENOVA. 18 FEB. Il capogruppo comunale del Carroccio Alessio Piana oggi ha depositato a Tursi un’interrogazione al sindaco Doria sulla grave situazione di insicurezza, in cui sono costretti a vivere gli abitanti di Certosa.”Ho chiesto a Doria perché non fa qualcosa per i suoi concittadini del ponente genovese, anziché pensare a fare le gite in California – ha detto Piana – la giunta è del tutto inerte rispetto al tema della sicurezza, molto sentito da tutti i genovesi. In piazza Petrella e in altre zone del quartiere, ci sono disadattati che bivaccano sulle panchine ubriacandosi e scatenando violente risse che, nonostante i controlli da parte delle forze dell’ordine, mettono a repentaglio la sicurezza dei commercianti della zona. Inoltre, c’è la quotidiana presenza di “zingari” che tentano di raggirare i passanti e rubano. Per non parlare degli esercizi commerciali gestiti da immigrati, che vendono super alcolici anche di notte, violando il regolamento comunale. Di recente, sono stati segnalati anche tossicodipendenti che si infilano nei portoni dei palazzi con le siringhe”.

 

5 COMMENTI

  1. La certezza della pena e’ l’unica soluzione. Senza una riforma della giustizia ogni azione e’ destinata al fallimento. In molte citta’ certo si puo’ ridurre questo aspetto, ma il fatto permane appena si abbassa un attimo la guardia.

LASCIA UN COMMENTO