INSEGUITO DOPO INCIDENTE SPERONA PATTUGLIA MUNICIPALE

0
CONDIVIDI
Arrestato scippatore dalla municipale

sperona polizia-municipale-GENOVA. 29 GIU. Lo scorso 24 giugno, alle ore 00.15 circa, una pattuglia della polizia municipale ha notato in via Cantore un’autovettura Dodge “Caliber”, color rame, che procedeva a forte velocità e con i fari spenti, producendo un forte stridio di pneumatici ed un fumo acre, inseguita da un’autovettura Fiat “Punto” di colore nero, con le sirene attivate, successivamente rivelatasi un’auto civetta dei carabinieri.

La pattuglia della municipale parte, a sua volta, all’inseguimento del veicolo che sfrecciava ad oltre 100 Km/h verso il centro città riuscendo a raggiungerlo, unitamente all’altra pattuglia borghese, all’altezza del “Novotel” dove il conducente è costretto ad arrestarsi da alcuni veicoli fermi al semaforo rosso che gli ostruiscono completamente il passaggio.

I carabinieri dell’altra pattuglia scendono circondando il veicolo fuggitivo, ma questo cerca nuovamente di allontanarsi, in quanto le autovetture ferme si erano spostate al sopraggiungere dei mezzi in sirena, con il rischio di investire i militari a piedi che nel frattempo si sono identificati al conducente mediante i tesserini e la paletta dell’Arma dei carabinieri.

 

La pattuglia della municipale sorpassa il veicolo e arresta l’auto di servizio innanzi al fuggitivo, sbarrandogli la strada, ma questo tampona violentemente l’auto cercando di aprirsi un varco, fortunatamente la sua autovettura si spegne, fornendo così agli agenti il tempo di scendere.

I militari intimano al conducente di cessare la fuga e scendere dal veicolo ma questi, barricatosi all’interno dell’abitacolo tentava di avviare nuovamente il motore per fuggire; gli agenti della municipale sono quindi costretti a sfondare il finestrino del conducente per tentare di estrarlo in modo da evitare una nuova fuga.

Il soggetto, però, oppone una violenta resistenza scalciando con forza dall’interno dell’autovettura, tanto che sarà necessario l’intervento di quattro persone per bloccarlo.

Trascorsi alcuni minuti l’uomo si calma e consegna i documenti d’identità che lo identificavano come un liberiano di 39 anni, regolarmente residente a Genova.

L’uomo mostra evidenti sintomi di abuso di sostanze alcoliche ed anche all’interno dell’abitacolo del veicolo era chiaramente percepibile l’odore dell’alcool.

Nel frattempo i controlli sull’autovettura, risultata di proprietà dell’uomo, mostrano che questa è priva della copertura assicurativa dal Luglio 2014 e della revisione periodica. Inoltre la vettura presenta evidenti danni alla parte anteriore sinistra, quali lo sfondamento del cofano, la rottura del gruppo ottico, una grave introflessione del passaruota anteriore ed il pneumatico anteriore sinistro squarciato. Con i danni non riconducibili all’urto contro il veicolo della polizia municipale, bensì ad un evento precedente.

Ed effettivamente, dopo pochi minuti la centrale operativa avverte la pattuglia che, poco prima, alle 00.10 circa, all’intersezione tra via Molteni e via Avio, la Dodge Caliber aveva urtato violentemente un’altra autovettura con a bordo due adulti e un minore, dandosi poi alla fuga.

Gli agenti della Municipale hanno provveduto al fotosegnalamento dell’uomo ed al suo deferimento all’A.G. ai sensi degli artt.337 C.P. “Resistenza a PP.UU.”; 186 c. 2° C.d.S. “guida in stato di ebbrezza”; 186 c. 7° C.d.S. “rifiuto dell’accertamento dello stato di ebbrezza”; 189 c. 1°- 6° C.d.S. “fuga da incidente con ferimento di persona”; 189 c. 1°- 7° C.d.S. “omissione di soccorso”.

LASCIA UN COMMENTO