Incidente a Molassana. Gli aggiornamenti

0
CONDIVIDI
I vigili stanno danno la caccia ad un malvivente che è scappato su una rubata e provocato un incidente
I vigili stanno danno la caccia ad un malvivente che è scappato su una rubata e provocato un incidente
I vigili stanno danno la caccia ad un malvivente che è scappato su una rubata e provocato un incidente

GENOVA. 2 OTT. I vigili della sezione Infortunistica stanno danno la caccia ad un pirata della strada che, ieri, intorno alle 12.30 dopo aver compiuto un furto in una tabaccheria, è scappato su una macchina Fiat Brava rubata a Reggio Emilia e provocato un incidente in via Piacenza.

Dopo il sinistro di lieve entità, la Brava si è allontana verso mare. Giunta all’altezza del civ. n. 10 ha urtato un’ambulanza della pubblica assistenza di Molassana che a causa dell’impatto è finita, a sua volta contro una bisarca in fase di scarico. I 4 passeggeri della ambulanza sono poi stati trasportati in codice giallo all’ Ospedale San Martino.

Il conducente della brava, ormai immobilizzata, è corso all’interno della concessionaria presso cui la bisarca stava scaricando le auto e si è impadronito di una Peugeot 206 grigia targata CA 744 FW fuggendo in direzione del centro città.

 

Sembra che un auto simile a quella abbandonata dopo l’incidente sia stata adoperata lo stesso giorno per una rapina, o furto aggravato, sempre a Molassana, su cui stanno indagando i Carabinieri.

Il proprietario della Fiat Brava è da pochi giorni un pachistano, che si è presentato nel pomeriggio alle Forze dell’Ordine per la denuncia postuma del patito furto di questo veicolo, da lui custodito in parcheggio in quanto ancora privo della copertura assicurativa.
L’auto, gravemente danneggiata, è stata sequestrata dalla Polizia Municipale ed è a disposizione degli inquirenti.

La Peugeot utilizzata per la fuga è stata trovata dalla Polizia Municipale ieri sera intorno alle 23,00 parcheggiata in via Canevari.

L’auto è stata sequestrata e messa a disposizione della Scientifica per i rilievi del caso.

LASCIA UN COMMENTO