Home Politica Politica Imperia

IMMIGRAZIONE. MARONI IERI IN LIGURIA: “IO DA MINISTRO USAVO NAVI E ACCORDI PER IMPEDIRE LE PARTENZE. QUESTO GOVERNO NON LO FA'”

0
CONDIVIDI

maronizoccaratolnIMPERIA 27 OTT. “L’immigrazione è una emergenza alla quale l’Italia non sta dando le risposte che deve. Molti di quelli che sbarcano chiedono asilo, ma molti sono clandestini e chi è clandestino non deve stare sul territorio.

La Bossi-Fini è una legge giusta. Il falso pietismo crea solo danni. Da Ministro dell’Interno mandavo navi a pattugliare le acque e fare accordi con i Paesi d’origine dei migranti per evitare le partenze, altrimenti continueranno le disgrazie e i grandi pianti”. Lo ha detto ieri Roberto Maroni (in foto con il Sindaco di Sanremo Zoccarato), Segretario Nazionale della Lega Nord, a margine della visita in Liguria (prima allo stabilimento Bombardier di Vado Ligure, poi a Sanremo).

Secondo Maroni: “[…]i problemi non si possono risolvere piangendo, ma con azioni concrete. Non ho ancora visto il Governo italiano agire in Tunisia, Libia o Egitto per accordi bilaterali fornendo motovedette per evitare partenze. L’Europa non è in grado di affrontare il problema in maniera adeguata”.


Cambiando argomento, Maroni ha detto che, “[…]abbiamo voluto coinvolgere la Liguria con le sue attrattive turistiche e capacità ricettive nel progetto Expo 2015 perché crediamo che questa manifestazione sia una grande vetrina per l’Italia. La Liguria è stata la prima regione coinvolta, ma il modello è da estendere. L’Expo, con oltre 20 milioni di visitatori previsti, è una occasione straordinaria per Milano, la Lombardia e tutte le regioni”

Accompagnato dal Segretario del Carroccio in Liguria, Sonia Viale, e da altri leghisti, compreso il capogruppo in Regione, Francesco Bruzzone, Maroni ha aggiunto che “[…]vogliamo valorizzare e promuovere il territorio, le eccellenze e privilegiare le bellezze, così che i visitatori si innamorino delle nostre regioni. La nostra ricetta è piaciuta”.

Sui rapporti tra Lombardia e Liguria, Maroni ha spiegato: “Stiamo lavorando su più fronti, anche su quello del trasporto pubblico. Abbiamo grandi progetti e vogliamo sviluppare grandi idee. Desideriamo rendere il trasporto pubblico su ferro e gomma più efficiente, quindi meno costoso per le casse comunali e quelle regionali, coinvolgendo la Liguria e il Piemonte, il Nord-Ovest, nell’ambito del progetto di macro-regione occidentale, che si sta muovendo superando i confini regionali, e questo è molto importante”.

Quanto alla politica, e in particolare all’impeachment del Presidente della Repubblica chiesto da Grillo: “Non ne so nulla, non ho ancora visto le motivazioni”. Poi Maroni, che è anche Governatore della Lombardia, ha rimproverato al Governo la mancata applicazione del principio dei costi standard della sanità e il non avere modificato il Patto di Stabilità, definito il “patto di stupidità” (sic), visto che penalizza i Sindaci virtuosi”.

Maroni, che in serata ha parlato a Sanremo, ha anche affermato che “[…]cancellare il fondo di 330 milioni utile a premiare gli amministratori virtuosi è stato un segnale negativo che genera sconforto”.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here