Imam indagati per terrorismo si difendono: noi predichiamo la pace

2
CONDIVIDI
I tre imam indagati si difendono: noi per la pace e contro il terrorismo
I tre imam indagati si difendono: noi per la pace e contro il terrorismo

GENOVA. 4 AGO. Indagati nell’ambito dell’inchiesta della procura distrettuale antiterrorismo, i tre imam stranieri abitanti a Genova, nelle scorse ore si sono difesi spiegando che predicano la pace e hanno condannato le stragi islamiste di Nizza e Rouen.

Dalle indagini della polizia Postale e della Digos, sarebbe emerso che due dei tre imam indagati avrebbero messo in piedi una terza moschea a Sampierdarena, dove si riunirebbero i musulmani con posizioni radicali.

Secondo gli investigatori, nel ponente cittadino stava per nascere una cellula jihadista. Pertanto, la procura si è mossa, mettendo in atto i provvedimenti di prevenzione, come le perquisizioni nei tre luoghi di culto  a Genova, più un altro a Rapallo.

 

Uno dei tre perni dell’inchiesta genovese, sarebbe l’albanese Bledar Brestha, 34 anni, predicatore del centro ‘Al Fajer’ di piazza Durazzo.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO