Home Consumatori Consumatori Italia

Il video “Io Vi Spengo” è di un anno fa, le opinioni

0
CONDIVIDI
Il video “Io Vi Spengo” è di un anno fa, le opinioni

ROMA. 1 GIU. Un video di protesta sta impazzando da qualche giorno su Facebook, e dopo un tam tam pressante è diventato virale, con oltre 4 milioni di visualizzazioni e quasi 80 mila condivisioni.

La pagina Facebook “Io Vi Spengo”, con un video, “Se sei onesto quella lampadina la spegnerai”, invita gli italiani a spegnere la luce di casa propria per un’ora, l’1 giugno, o il 2 giugno, alle ore 21:30, per protesta.

Però, come al solito, le opinioni sono differenti.


Un utente, per esempio, scrive: “Il messaggio è arrivato chiaro, vediamo quanti saremo quelli veramente stanchi di questo sistema. È un piccolo gesto, rivoluzionario, ma è pur sempre un inizio”.

Nel video, in cui compare la famosa ‘V’ non si capisce bene chi o quale sia l’oggetto della contestazione. Il filmato inizia con la data e l’ora in cui si chiede di spegnere le luci, il 1° giugno, ore 21:30, però, l’amministratore della pagina scrive: “Questo video è del 2016, la data giusta è il 2 giugno 2017 alle 21.30” e ancora: “Siete ormai in tanti a partecipare a questa iniziativa, nel 2016 (anno di riferimento di questo video con la data del 1 giugno) abbiamo toccato cifre enormi ma quest’anno siamo andati ben oltre, solo con facebook abbiamo raggiunto 5 milioni di persone e la maggior parte è favorevole a staccare la corrente o anche solo la luce/tv per 1 minuto alle 21:30 del 2 GIUGNO”.

Ecco il testo completo che appare di volta in volta, mentre passa il filmato.

“Quella sera tutti noi possiamo unirci. Non vestiremo nessun colore politico, alle 21:30 spegneremo le luci di casa per 1 minuto e faremo vedere che noi esistiamo. Mostreremo cosa vuol dire un mondo senza di noi, perché se per un solo minuto tutti noi ci uniamo, possiamo farlo anche per decisioni più importanti. Perché se in quel minuto tutti quanti uniamo il nostro dissenso, per loro è la fine.

Perché fare questo semplice gesto? Perché non hai nessun motivo per non farlo! Perché tutte le proteste sono divise ideologicamente. Perché la gente ha paura di manifestare in piazza. Perché la gente non ha i soldi per affrontare un viaggio. Perché esporsi pubblicamente comporta anche ritorsioni.

Perché un solo minuto? Perché questo dev’essere soltanto un segnale! Perché noi da casa possiamo far partire molte iniziative. Possiamo far crollare gli ascolti di una Tv. Possiamo scegliere quale prodotto comprare oppure no. Possiamo boicottare chi non difende più i cittadini.

Manderemo questa proposta a tutti quelli che si dichiarano ribelli del sistema, e vedremo chi dirà di no a una vera manifestazione di popolo. Ora, provate a immaginare se tutti quanti diamo questo segnale. Ci vogliono far diventare schiavi del sistema, ma il 1° giugno alle ore 21:30 vedranno con i loro occhi che noi non ci arrendiamo: io vi spengo”.

E voi cosa ne pensate? Spegnerete la luce questa sera o domani? E se lo fate, per quale motivo?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here