Il vento è cambiato, bandiera arcobaleno non sventola più

1
CONDIVIDI
La sede della Regione Liguria
Il vessillo Lgbt dell'arcobaleno sventolava ai tempi della sinistra in Regione: oggi la facciata di piazza De Ferrari è rimasa pulita perché il vento è cambiato
Il vessillo Lgbt dell’arcobaleno sventolava ai tempi della sinistra in Regione: oggi la facciata di piazza De Ferrari è rimasta pulita perché il vento è cambiato

GENOVA. 23 GEN.  Il governatore Toti oggi ha polemicamente postato sul suo profilo Facebook la bandiera arcobaleno, che era stata esposta sul palazzo della Regione Liguria durante l’amministrazione Burlando. Oggi,  durante l’ultima manifestazione Lgbt in centro a Genova, la facciata della sede di piazza De Ferrari è rimasta pulita. Quella bandiera non ha sventolato perché il vento è cambiato.

“Il gonfalone della Regione al Family day no – ha attaccato Toti – il vessillo arcobaleno del Gay Pride esposto sul palazzo della Regione quando governava la Paita sì. Ma che modo di ragionare è? Il capogruppo del Pd ha una visione distorta della realtà. I problemi sono a casa del Partito Democratico, dove molti non la pensano come la Paita e non vogliono votare la legge Cirinnà. Io sono favorevole all’estensione dei diritti alle unioni di fatto. Anche subito. Sono contrario alla equiparazione di tutte le unioni al matrimonio e soprattutto all’adozione in situazioni in cui il bambino non abbia un papà e una mamma con cui crescere. Estendere i diritti a qualcuno non può voler dire cancellare o indebolire i diritti di altri. Il Pd, sbagliando, ha trasformato in una battaglia ideologica e settaria una legge che poteva trovare l’accordo di tutti, penalizzando, per primi, proprio tutti coloro che finge di voler aiutare. Ps: Nessun imbarazzo cara Paita, io sarò sabato prossimo al Family Day insieme a tutti gli amici della maggioranza in piazza a Roma. Attendo di sapere per quale ragione sarebbe eversivo portare il Gonfalone della regione al Family Day e invece sarebbe giusto ( lo hai deciso anche tu, cara Paita) esporre la bandiera arcobaleno al palazzo della Regione e finanziare il Gay Pride con 30 mila euro del liguri. Attendo di conoscere le contorte ragioni di chi ha sostenuto una simile scelta e si indigna per la nostra”.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO