Il Tempo di Planck con la regia di Mario Jorio al Duse

0
CONDIVIDI
Il Tempo di Planck
Il Tempo di Planck
Il Tempo di Planck

GENOVA. 20 GIU. Scritto dallo spagnolo Sergi Belbel nel 1999, Il tempo di Planck è in scena da mercoledì 22 giugno alle 20,30 al Teatro Duse, nell’ambito della XXI edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea.

A dirigere i giovani attori dello Stabile Sara Cianfriglia, Alice Giroldini, Sarah Pesca, Antonio Bannò, Isabella Giacobbe, Martina Limonta e Kabir Tavani è Mario Jorio.

Jorio,autore e regista  della compagnia teatrale Oltre l’Immagine, fondata con Ugo Dighero nel 1980, ha gia preso parte alle scorse edizioni della RASSEGNA DI DRAMMATURGIA CONTEMPORANEA al Teatro Stabile di Genova nel 2011 dirigendo “Persone predilette” , nel 2012 è stato regista di “Lo sciopero delle scope” e nel 2013  ha curato la regia  “La lotta nella stalla”.

 

“IL TEMPO DI PLANCK” è un testo scarno e poetico in cui il padre della fisica quantistica, riflette sull’ ultimo passaggio della vita e sulla stretta connessione fra la scienza e l’esistenza umana.

Planck è un uomo che sta morendo, assistito da un giovane di nome Max. Intorno al capezzale ci sono le donne della sua vita: la moglie e le quattro figlie. Parlano di ciò che è stato e temono ciò che potrà essere. In fisica il “tempo di Planck” è la frazione di tempo più breve misurabile e corrisponde a 10 elevato alla meno 43 e la commedia di Belbel si struttura proprio in 43 scene.

La versione italiana è curata da Enrico Ianniello e Angelo Rossi.  La scena è di Giuseppe Costa e Fabrizio Montalto, le luci sono di Stefano Ciraulo.

FRANCESCA  CAMPONERO

In scena al Duse fino a sabato 2 luglio

Prezzi: posto unico 5 euro; abbonamento a tutta la rassegna 15 euro.

LASCIA UN COMMENTO