Home Cronaca

IL PRESIDENTE DEL GENOA PREZIOSI AGGREDISCE TELECINEOPERATORE DE “IL SECOLO XIX”. LA REAZIONE DELL’ALDG

3
CONDIVIDI

preziosiarrichiellolnGENOVA 4 GIU. Il Presidente del “Genoa C.F.C.” Enrico Preziosi ha aggredito nel primo pomeriggio di oggi un giornalista, rompendogli la telecamera. E’ successo oggi a Genova, in Piazza Lido di Pegli: il cronista de “Il Secolo XIX” Valerio Arrichiello, che assieme ad altri giornalisti attendeva Preziosi fuori da un ristorante, è stato aggredito con calci e schiaffi.

Il presidente del Genoa ha strappato la telecamerina di Arrichiello gettandola a terra e distruggendola. Un momento di follia per Preziosi che poco dopo ha chiesto scusa, offrendosi di ripagare la telecamera rovinata. Un collega di Arrichiello ha testimoniato l’aggressione con il suo iPad e le immagini del “Presiosi furioso” contro un collega che stava pur sempre lavorando stanno rapidamente facendo il giro del web. (m.d.m.).

Pronta la reazione ufficiale della Associazione Ligure dei Giornalisti a firma del Segretario dell’associazione professionale regionale di categoria Alessandra Costante:


“Atto ingiustificabile, intervenga anche la giustizia”.

“Calci e schiaffi ad un videoreporter del Secolo XIX. Ecco la “lezione” di fair play,  di sportività e, soprattutto, di educazione che oggi ha visto protagonista il presidente del Genoa Enrico Preziosi. L’aggressione al collega Valerio Arrichiello è avvenuto in un luogo pubblico,  in piazza Lido di Pegli, dove il videoreporter stava attendendo l’uscita di Preziosi da un ristorante.  Le fasi dell’aggressione sono state documentate dalle riprese fatte con l’iPad da un altro collega.

Mancano le parole per commentare un simile gesto, una violenza gratuita e inaudita in nessun modo giustificabile. Se come si dice l’esempio deve sempre arrivare dall’alto, si capisce perché tanta violenza e tanta cattiveria negli stadi che ogni settimana si trasformano nel ring delle tifoserie, assumendo costi sociali  – basta pensare all’impiego delle forze dell’ordine – non degni di un Paese civile.

L’Associazione Ligure dei Giornalisti condanna il comportamento di Preziosi. Ma siccome solo le parole a questo punto non bastano più, confida nell’intervento della giustizia affinché un atto tanto barbaro quanto violento non resti impunito.

Al collega Arrichiello la solidarietà e il sostegno dell’Associazione Ligure dei Giornalisti”

Il Segretario dell’ALdG

Alessandra Costante

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here