Il Pd in Regione difende il ragionier Bedini: M5S qualunquisti

0
CONDIVIDI
L'ex assessore regionale alla Pesca e Agricoltura Giovanni Barbagallo e il Pd: valorizziamo i nostri agricoltori, custodi dell'ambiente e del territorio
L'ex assessore regionale alla Pesca e Agricoltura Giovanni Barbagallo (Pd) insieme a Raffaella paita e Pippo Rossetti, ha difeso il ragionier Bedini attaccato dal M5S
L’ex assessore regionale alla Pesca e Agricoltura Giovanni Barbagallo (Pd) insieme a Raffaella paita e Pippo Rossetti, ha difeso il ragionier Bedini attaccato dal M5S

GENOVA. 29 MAR. Il M5S in Regione attacca la giunta precedente e presenta un esposto contro il ragionier Gino Bedini. Il “Dirigente Esperto Professional” nel settore Agricoltura, era stato “riciclato” da Burlando dalle liquidate Comunità montane ed è rimasto al suo posto in via Fieschi nell’era Toti. Il M5S sostiene che Bedini non è laureato, come invece prevede la legge per chi occupa un posizione da dirigente in Regione. Pertanto, dovrebbe sloggiare. Secondo il Pd, invece, è tutto regolare. La pagina web della “trasparente” Regione Liguria, in cui dovrebbe essere riportato incarico, qualifica e retribuzione del dirigente pubblico, stamane non si apriva.

“I solerti consiglieri grillini – hanno spiegato stamane i consiglieri Paita, Rossetti e Barbagallo – prendono un grosso abbaglio. Bedini è arrivato in Regione nel 2011 dalla Comunità Montana Intemelia dov’era stato nominato dirigente circa vent’anni fa, quando la legge consentiva anche ai non laureati di avere ruoli dirigenziali. Quando il personale delle Comunità Montane è stato trasferito in Regione, naturalmente, avevamo, com’era giusto, l’obbligo di mantenere il loro livello contrattuale. Quindi il caso non esiste. Detto questo, poi, credo sia generalmente riconosciuto da tutti che Bedini sia una persona competente e capace. Quindi l’attacco dei Cinque Stelle, oltre a essere sbagliato e strumentale, dimostra come i consiglieri grillini abbiano come unico obiettivo infangare chi ha governato questa Regione. Per attaccare qualcuno, però, bisogna prima essere certi di avere le informazioni corrette. Altrimenti si fa solo del qualunquismo, come in questo caso”.

LASCIA UN COMMENTO