Il Pd: giunta Toti volta le spalle alle associazioni sportive dilettantistiche

0
CONDIVIDI
Il Pd insorge contro i tagli di Toti ai parchi liguri
Il Pd insorge contro la giunta Toti: prese a schiaffi le associazioni sportive dilettantistiche, centrodestra volta le spalle ai cittadini
Pippo Rossetti e Raffaella Paita insorgono contro la giunta Toti: prese a schiaffi le associazioni sportive dilettantistiche, centrodestra volta le spalle ai cittadini

GENOVA. 1 MAG. Il centrodestra ha bocciato l’ordine del giorno del Pd a favore del fondo di garanzia per le associazioni sportive dilettantistiche e l’opposizione insorge.

“La maggioranza – hanno detto il capogruppo Raffaella Paita e il consigliere Pippo Rossetti (Pd) – ha dato così uno schiaffo a tutte quelle strutture che, con fatica e impegno, da anni svolgono una funzione educativa, sociale e di prevenzione sanitaria sul territorio. Col nostro documento non chiedevamo di stanziare dei finanziamenti a pioggia, ma volevamo soltanto che la Regione si facesse garante dei mutui che questa associazioni sottoscrivono per ristrutturare, a proprie spese, gli impianti che gestiscono.

Già perché questi interventi, le associazioni sportive dilettantistiche li fanno con i loro soldi e risparmi. L’unico problema è la garanzia con le banche quando chiedono un mutuo. Per evitare che i presidenti delle associazioni debbano esporsi in prima persona, basterebbe che la Regione si facesse da garante per questi prestiti mettendo dei soldi sul fondo che la Giunta precedente aveva costituito.

 

I soldi ci sono perché non avendo speso un milione e mezzo di euro per gli impianti sportivi già stanziati dalla Giunta Burlando i nuovi amministratori avrebbero potuto mettere questo “risparmio” sul fondo di garanzia. Il centrodestra però ha preferito voltare le spalle a tutti questi soggetti, che meritoriamente portano avanti una funzione fondamentale sul nostro territorio.

D’altra parte in quasi un anno di governo regionale la giunta Toti non ha stanziato neppure un euro per lo sport. Zero tituli, insomma, ancora una volta sulla pelle dei liguri”.

LASCIA UN COMMENTO