Home Cultura Cultura Genova

Il Nano Morgante | In perenne attesa del mai

1
CONDIVIDI
Il Nano Morgante | In perenne attesa del mai

GENOVA. 29 LUG. Secondo un comune opinare, ogni risultato degno di nota non può che conseguire ad un commisurato impegno.

In forza di tale convinzione, persiste l’assidua frequentazione mentale di un concetto di giustizia quale entità indistinta dal merito.

Pur nell’idea che tale “giustizia” abbia una sovra-dimensione e che, pertanto, si sottragga alle umane debolezze e mutevolezze, capita talvolta che il merito, nell’ottenimento di grandi risultati, sia sconfessato da un impegno solo episodico ovvero da un semplice “colpo di fortuna”. O, viceversa, che, malgrado lungo e penoso peregrinare, i risultati conquistati con tanto sacrificio siano di piccola entità.


Per altro verso, la stessa “fortuna”, che regala successi insperati e, almeno in apparenza, immeritati, non è categoria sufficiente a garantire nel tempo il trend.

Ad ogni buon conto, il concetto di “giustizia“, nelle sue varie categorizzazioni, ha lungamente occupato l’intento speculativo dell’uomo e  la sua strenua, disperante, ricerca di conoscenza e di felicità.

Così, il mondo contemporaneo può con ragione trarre gratuito beneficio dal prodotto sapiente di antichi pensieri, tanto più qualora il percorso individuale divenisse irto di dubbi ricorsivi ed incorresse in palesi contraddizioni.

Tutto ciò che attiene alla nostra esistenza ed alla dimensione originaria dell’uomo ha una matrice comune ed immutabile di pensiero, contemplando esercizi non facilmente indagabili dal tempo personale e contemporaneo.

Via via, tale immutabilità viene apparentemente aggredita ed innovata per processo additivo, sommando tra loro gli elementi nel tempo profusi.

Ogni sforzo risente, tra l’altro e vicendevolmente, del tempo in cui é stato compiuto. Nondimeno, gli antichi tendevano a certi esiti. I moderni  s’inclinano, più modestamente, a cert’altri.

E, questi ultimi, i moderni, hanno esiti troppo impalpabili, leggeri, vacui. Tutti (o quasi) “in perenne attesa del mai”.

Massimiliano Barbin Bertorelli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here