Home Non Classificati

IL MONDO DEI GIOVANI SUDAMERICANI A GENOVA NEGLI SCATTI DI ELENA PERLINO

0
CONDIVIDI
IL MONDO DEI GIOVANI SUDAMERICANI A GENOVA NEGLI SCATTI DI ELENA PERLINO

gni, sguardi e racconti di ragazzi genovesi latinoamericani? realizzato dall?Educativa di Strada del Consorzio Agor? in collaborazione con il Distretto Sociale Medio Levante e con il contributo di Fondazione Carige.
?
Le?fotografie sono state realizzate dalla fotografa Elena Perlino all?interno di un progetto sociale?finanziato dalla Fondazione Carige e condotto dagli educatori di territorio del Consorzio Agor?. Questo progetto promuove e rafforza una relazione con i ragazzi ecuadoriani e latinoamericani in genere, e i gruppi informali nel territorio Medio Levante per contribuire a costruire assieme una risposta ai loro sogni, bisogni?e aspettative.
?
Le fotografie documentano le giornate dei gruppi informali di giovani sudamericani e italiani e sono il frutto di molte giornate trascorse dalla fotografa. Ne esce una realt? per molti versi tipica ma profondamente diversa poich? vissuta in gran parte all?interno di un grande gruppo di immigrati arrivati a Genova in pochi anni e che stanno confrontandosi con una diversa realt? e con l?avventura dell?emigrazione.
?
?Con i teenagers di immigrazione ecuadoriana ho scoperto l?idea forte di gruppo – afferma Elena Perlino -?la sensualit? dei balli, la libert? di gestirsi il tempo libero e gli orari di rientro, un insospettabile numero di giovani coppie miste. Rispetto ai coetanei italiani noti? differenze, dovute a ragioni ambientali, che ti portano a crescere in fretta. E capisci perch?? spesso ? difficile un contatto tra i due mondi. Quanti italiani di 14 anni hanno dovuto cambiare nazione, amici, lingua, abitudini, casa da un giorno all?altro? Quanti ragazzi della stessa et? vivono con la madre e hanno lasciato un padre oltreoceano?
Ho cercato di passare con loro il maggior tempo possibile nei principali punti di ritrovo all? aperto sparsi nel Medio Levante e non solo, nei momenti di incontro dopo scuola, alle fermate degli autobus di Brignole, nelle domeniche a ballare, al Sorriso Francescano?.
(nella foto: un’immagine della mostra).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here