Home Non Classificati

IL MINISTRO CALDEROLI SI E’ DIMESSO PER “SENSO DI RESPONSABILITA'”

0
CONDIVIDI

un lungo vertice avvenuto a Gemonio, in provincia di Varese con Umberto Bossi e Roberto Maroni. Sembra che sulla scelta, siano state determinanti le critiche degli alleati della Cdl, in particolare quelle del premier Silvio Berlusconi che aveva condannato da subito il gesto della maglietta anti-Islam sfoggiata da Calderoli in tv, causa scatenante della rivolta anti-italiana in Libia a Bengasi.
Intanto a Bengasi il bilancio ? di 11 morti e numerosi feriti, tutti libici. Nel momento in cui c’? stato l’assalto al Consolato Generale d’Italia, la Polizia libica ha infatti reagito violentemente a protezione della rappresentanza diplomatica italiana.
L’ambasciatore italiano a Tripoli, Francesco Paolo Trupiano circa la scintilla che ha fatto precipitare la situazione, commenta: ”L’origine ? stata la pubblicazione delle vignette su Maometto. Certamente anche altre iniziative che sono venute fuori hanno suscitato qui gi? malcontento e insofferenze da parte della popolazione islamica e quindi il riferimento alla famosa maglietta pu? essere una delle ragioni di questi avvenimenti”. Attualmente tutto il personale del Consolato ? stato trasferito in un albergo di Tripoli, mentre a Bengasi ? rimasto il Console Giovanni Pirrello con due collaboratori.
Anche il vicepremier Fini interviene sull’argomento e sulla necessit? di ricucire lo strappo; suo l’annuncio di una visita alla moschea di Roma a Forte Antenne: “Come italiani dobbiamo ribadire che rispettiamo ogni religione e pretendiamo identico rispetto. Si tratta di un momento in cui occorre il massimo senso di responsabilit? e nervi saldi”.
(nella foto: Roberto Calderoli).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here