Home Cultura Cultura Genova

Il Festival dello Spazio a Busalla dal 27 al 30 luglio 2017

0
CONDIVIDI
Il Festival dello Spazio a Busalla dal 27 al 30 luglio 2017: Franco Malerba

GENOVA. 20 LUG. La prima edizione del Festival dello Spazio di Busalla, il festival che racconta scoperte, successi, esperimenti e meraviglie dell’avventura aerospaziale, si svolgerà a Busalla dal 27 al 30 luglio sotto il coordinamento scientifico di Franco Malerba.

Il Festival è organizzato e promosso dalla Amministrazione di Busalla e gode del Patrocinio del Parlamento Europeo e della Regione Liguria.

Fra i partner scientifici: ESA, ASI, Thales Alenia Space, ALTEC, Leonardo, Festival della Scienza, IIT, Università di Genova.


Durante le quattro giornate, con oltre venti prestigiosi relatori e una quarantina di appuntamenti tra incontri, mostre, laboratori, film, osservazioni astronomiche ed eventi collaterali Villa Borzino, sede principale della manifestazione, si trasformerà in un palcoscenico privilegiato di quella affascinante parte della scienza che viene detta “l’ultima Frontiera”.

Due i fili conduttori di questa edizione, sui quali si confronteranno scienziati, ricercatori, astronauti, ingegneri aerospaziali, operatori del settore, scrittori: il lancio dal Kazakhstan del Soyuz verso la Stazione Spaziale Internazionale con l’astronauta italiano Paolo Nespoli a bordo, e la celebrazione del 25° anniversario della missione Tethered, che nel luglio del 1992 vide fra i suoi protagonisti Franco Malerba, il primo astronauta italiano a superare i confini dell’atmosfera terrestre.

“Il 2017 è l’anno in cui ricorre il 25° anniversario della missione di Malerba nello spazio – spiega Fabrizio Fazzari, assessore alla Cultura, al Turismo e alla Comunicazione del comune di Busalla. Malerba, nostro concittadino, è stato il primo astronauta italiano a superare i confini dell’atmosfera terrestre.”

“Questa occasione di interesse storico – gli ha fatto eco il sindaco di Busalla Loris Maieron – ci è sembrata adeguata a rilanciare anche il nostro territorio. Per farlo, in sede progettuale avevamo due strade davanti: provare a creare un museo, oppure dar corso a un evento più dinamico, sulla scia, per fare due esempi liguri, del Festival della Mente di Sarzana o del Festival della Comunicazione di Camogli. Di fronte a questa alternativa, non abbiamo avuto dubbi.

Abbiamo pensato che potesse essere importante per il nostro territorio organizzare il Festival dello Spazio: una manifestazione che intendiamo come un contenitore di idee e iniziative nel quale far convergere e interagire scienziati e popolazione, in un mix di esperienze alla portata di tutti, così da fare cultura di sintesi in modo appassionante e, perché no, anche divertente”.

“Questa operazione del Festival trae il suo spunto di partenza dai 25 anni della mia missione spaziale – spiega Franco Malerba, primo astronauta italiano, genovese, di nascita busallese – e, se il Sindaco e il Comune di Busalla sono l’istituzione responsabile dell’organizzazione, io resto nel Comitato Organizzatore l’animatore dei contenuti scientifici e del network di istituzioni, imprese e gruppi di ricerca che il Festival metterà in scena a disposizione dei partecipanti, un pubblico curioso, ma non esperto di spazio, che speriamo numerosissimo da tutta la Liguria e non solo.

Abbiamo avuto supporti per i contenuti da parte ASI, ALTEC, Thales Alenia Spazio, STAM, Politecnico di Torino, Università di Genova, IIT, per citare solo i più importanti, e ci siamo avvalsi di una forte collaborazione con Osservatorio del Righi e Festival della Scienza; abbiamo così potuto costruire un programma scientifico divulgativo di ben quattro giorni con tante iniziative parallele di edutainment perfino al di là delle mie più rosee previsioni”.

“Il 28 luglio di quest’anno, qualche giorno prima del ‘mio anniversario’ – spiega Malerba – parte da Baikonour Paolo Nespoli, un mio caro collega astronauta, che raggiungerà la Stazione Spaziale Internazionale e vi lavorerà per i prossimi sei mesi. Paolo si collegherà con il Festival di Busalla in videoconferenza il giorno 27 luglio, la vigilia della sua partenza e noi dedicheremo una mezza giornata di anteprima del Festival proprio alla sua missione e all’epopea della Stazione.

La concomitanza del lancio di Nespoli salva il Festival dalla tentazione della “rievocazione” della missione di Malerba, e si impegna a farlo ripercorrendo alcuni grandi successi di missioni spaziali recentemente realizzate, in corso e future, con forte contributo italiano.

Il 28 si parlerà di osservazione della Terra e di servizi di protezione civile che utilizzano i dati satellitari.

La mattina del 29 sarà dedicata alla rievocazione della missione Tethered, la mia “avventurosa” missione con il Satellite a Filo nel 1992; riparleremo di applicazioni delle funi nello spazio e delle ricerche attuali in questo campo. Nel pomeriggio passeremo in rassegna alcune grandi missioni scientifiche – Cassini, Rosetta, BepiColombo, Euclid – addentrandoci perfino nelle ricerche dell’Universo Oscuro.

La mattina del 30 volgeremo lo sguardo ad alcuni problemi dell’ambiente spaziale: il rischio asteroidi e la ‘spazzatura spaziale’. Avremo perfino un dimostratore funzionante di un sistema “acchiappasatelliti”, basato sul lancio di una rete nello spazio, su cui sta lavorando una PMI genovese nell’ambito di un progetto europeo.

Il pomeriggio del 30 infine guarderemo al futuro dell’esplorazione del sistema solare: si parlerà del progetto Exomars, una missione che porterà un veicolo “fuoristrada” molto speciale ad atterrare su Marte; sarà dotato di una trivella capace di sondare il terreno fino a 2 metri sotto terra alla ricerca dell’acqua.

Ascolteremo infine i piani fantascientifici per le basi abitate su Luna e Marte e concluderemo su una nota umanistico- letterario: Mercurio, il pianeta della Poesia. Il “totem” del Festival sarà il modello ingegneristico del satellite Tethered trasportato da ALTEC Torino per l’occasione.

Alla presentazione avvenut ain Slaa Trasparenza ha partecipato anche l’asessore regionale Ilaria Cavo

Internet: www.festivaldellospazio.com

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here