Home Economia Economia Genova

IL CNA LIGURIA INCONTRA DELEGAZIONE CINESE

0
CONDIVIDI
delegazione cinese genova

delegazione cinese genovaGENOVA. 6 NOV. Si è svolto stamattina in via XX Settembre nel salone CNA ECIPA l’incontro con la delegazione ufficiale della Repubblica Popolare Cinese rappresentante della SAIC (State Administration for Industry & Commerce of People’s Repubblic of China, la struttura dello Stato cinese che sovraintende ad ogni attività economica e all’import e all’export cinese), guidata dal dott. Ma Fu, capo dipartimento ministeriale, che nella sua visita in Italia, ha espressamente richiesto di incontrare la CNA della Liguria per studiarne il modello organizzativo.

L’intero staff della CNA regionale ha presentato il lavoro di rappresentanza e la struttura dei servizi che CNA Liguria offre alle imprese ed ai singoli cittadini.

“Ci sono quasi 1300 imprese in Liguria condotte da cinesi – ha dichiarato Marco Merli al termine dell’incontro; – sono una realtà che si deve trasformare in un dialogo ed in reciproche opportunità. Intendiamo proseguire questo dialogo insieme per aumentare l’export verso la Cina, export che dal 2012 al 2013 è aumentato di circa il 64% cento, da 54 a 84 milioni. E per studiare quindi insieme come le imprese italiane e cinesi possano portare i propri prodotti all’estero.


Alla delegazione del Ministero dell’Industria guidata dal dott. Ma Fu abbiamo illustrato il modello organizzativo della CNA; hanno posto domande, si sono mostrati interessati a questa associazione di categoria che va incontro alle esigenze tanto delle imprese quanto dei cittadini che ruotano intorno al mondo delle PMI.

L’altro importante aspetto emerso dall’incontro è quello della lotta contro l’abusivismo e il sommerso, presenti in tutti i settori, in particolare in quello del benessere e dell’acconciatura. Le aziende straniere in Liguria e in Italia sono una realtà, e solo aprendo il dialogo a 360° anche con le associazioni di categoria si possono risolvere i problemi e dare opportunità di lavoro e di occupazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here