Il Carroccio: non toccate il servizio navebus

0
CONDIVIDI
Per il servizio navebus di Pegli, berrino e Rixi trovano altri 170mila euro: servizio salvo
navebus
A rischio stop il servizio Navebus. Pegli si ribella e la Lega si schiera con residenti e commercianti

GENOVA. 2 DIC.  «Ci sconcerta leggere sui giornali  – dicono – come il Movimento Cinque Stelle e il Pd si prendano il merito di essere gli unici a cui interessa il futuro del servizio Navebus Pegli-Porto Antico, quando noi della Lega Nord da tempo siamo vicini alle esigenze quotidiane dei cittadini, a maggior ragione quando si tratta di servizi strategici per il trasporto pubblico locale».

Lo ha ribadito oggi il capogruppo della Lega Nord Alessandro Piana, che insieme ai consiglieri del Carroccio sta studiando soluzioni per evitare il paventato stop del collegamento via mare.

«E’ un collegamento ecosostenibile e caratteristico, che va mantenuto – ha aggiunto Piana –  perché permette ai turisti, grazie alla sua unicità, di vedere Genova da un altro punto di vista. Il finanziamento regionale, che due anni fa superava il milione di Euro, è stato ridotto a 700 mila, per poi essere dimezzato e scendere, nel 2014, a 270 mila Euro. Insieme ai fondi si sono ridotte, di conseguenza, le corse, attualmente quattro per verso durante la settimana e solo due, entrambe di pomeriggio, di sabato e nei giorni festivi. Il VII Municipio Ponente e numerosi cittadini hanno avviato una petizione ed una raccolta di firme per salvare il servizio stesso. Noi abbiamo presentato nei giorni scorsi un Ordine del Giorno a sostegno del mantenimento di questo servizio e abbiamo chiesto la convocazione urgente della III Commissione proprio per discutere della situazione attuale e futura di Navebus».

 

«Per residenti e commercianti del luogo – ha aggiunto Stefania Pucciarelli –  questo mezzo di trasporto alternativo andrebbe potenziato».

LASCIA UN COMMENTO