Il “112” non sarà più solo dei carabinieri

0
CONDIVIDI
Il nuovo numero unico per le emergenze sarà il "112"
Il nuovo numero unico per le emergenze sarà il "112"
Il numero unico per le emergenze anche in Liguria sarà il “112”

GENOVA. 30 NOV. Cambia il “112” dei Carabinieri, che diventa il nuovo numero di emergenza europeo. Anche in Liguria è stata la delibera per l’avvio alla firma del protocollo d’intesa con la Regione Lombardia per l’attivazione del 112 Nue, il numero unico di emergenza europeo secondo il modello della Centrale unica di risposta-Cur che avrà sede a Genova.

“Abbiamo dato seguito a quanto già contenuto nel protocollo di collaborazione bilaterale sottoscritto lo scorso 15 settembre – spiega oggi la vicepresidente Viale – l’obiettivo della Centrale unica è razionalizzare e migliorare la gestione delle chiamate di emergenza anche in un ottica di risparmio di risorse, visto che oggi si verificano spesso casi di telefonate non appropriate”.

L’attivazione del Nue è prevista per il prossimo anno.

 

“Il 2 dicembre – spiega la vicepresidente Viale – si riunisce a Roma il comitato tecnico del ministero degli Interni sul tema: la Liguria si presenterà quindi con modalità operative già avviate”. Il numero unico 112 – che non sostituirà gli altri numeri di emergenza esistenti – raccoglierà tutte le chiamate d’emergenza che poi verranno smistate ai soggetti competenti rispetto all’intervento.

Nel protocollo d’intesa, che sarà sottoscritto dal presidente della Regione Liguria Toti e dal governatore della Regione Lombardia Maroni sul Nue, la Regione Lombardia si impegna a dare, a titolo di riuso gratuito, il programma applicativo necessario per la costituzione, l’attivazione e il funzionamento del servizio alla Regione Liguria, tramite l’Irccs San Martino Ist. La Regione Liguria provvederà a reperire e allestire le sedi, con le adeguate strumentazioni, e a formare il personale della Centrale unica di risposta, a cui dovranno interfacciarsi le centrali operative di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco e 118, come da linee guida del ministero dell’Interno.

LASCIA UN COMMENTO