Home Cultura Cultura Genova

IIT, RIPARTONO I CAFFE’ SCIENTIFICI: ASIMOV E ROBOT PER L’INAUGURAZIONE

0
CONDIVIDI

IIT istituto italiano tecnologiaGENOVA 1 OTT. Ripartiranno il prossimo giovedì 3 ottobre i caffè scientifici, promossi e organizzati dall’Istituto Italiano di Tecnologia insieme a Camera di Commercio di Genova e al gruppo giovani di Ascom – Confcommercio Genova. Dopo i numerosi successi raccolti nelle passate edizioni, per i terzo ciclo di caffè scientifici “IIT si racconta”, che accompagnerà la città fino a giugno 2014, sono numerosi i nomi in calendario, tante le tematiche (dalla robotica alla scienza e tecnologia del grafene, dalla chimica alle neuroscienze).
“Quando abbiamo iniziato questo ciclo di incontri, un anno fa al Palazzo della Borsa, avevamo di fronte una doppia scommessa: portare gli scienziati dell’’IIT dentro la città e svelare ai genovesi il valore straordinario delle ricerche che si fanno a Morego – commenta Paolo Odone, Presidente della camera di Commercio di Genova- L’affluenza ai primi due cicli di caffè scientifici dimostra che la scommessa è stata vinta, e ci incoraggia a proseguire su questa strada, ripartendo da questo stesso posto”.
Pochi giorni d’attesa per il primo incontro, in programma giovedì 3 ottobre, che prenderà spunto dalle storie di fantascienza di Isaac Asimov.
“Asimov aveva ragione?” è il titolo del primo incontro che vedrà protagonisti Giulio Sandini e
Luciano Fadiga del Dipartimento di Robotics, Brain and Cognitive Sciences di IIT, giovedì 3
ottobre, alle ore 18.30, presso la Sala delle grida, Palazzo della Borsa Valori, in Via XX Settembre
44.
Nel corso dell’incontro Giulio Sandini (bioingegnere) e Luciano Fadiga (neuroscienziato)
discuteranno del futuro popolato dai robot, così come immaginato nei libri dello scrittore di
fantascienza Isaac Asimov. Il dibattito in particolare sarà incentrato sulle conoscenze odierne
dell’intelligenza umana e sulle possibili “tecnologie dell’intelligenza”, realizzabili in un prossimo
futuro: siamo più vicini alla comprensione dell’intelligenza umana e alla costruzione di macchine
intelligenti rispetto a quando Asimov scriveva “Io, robot”? Quali sono gli ingredienti mancanti?
Molteplici le domande cui i due relatori risponderanno, evidenziando come l’interazione tra le
neuroscienze e l’ingegneria e l’utilizzo di robot umanoidi rappresentano un percorso promettente
per migliorare la conoscenza di noi stessi e sviluppare nuove tecnologie.
Il dibattito con gli scienziati sarà preceduto da una breve inaugurazione, il cui programma prevede
i saluti di apertura a cura di Alberto Diaspro, Vicedirettore per l’Outreach dell’Istituto Italiano di
Tecnologia (IIT), Paolo Odone, Presidente della Camera di Commercio di Genova e Alessandro
Cavo, Presidente del Gruppo Giovani di Ascom-Confcommercio di Genova.
“Il primo incontro di questo ciclo mostra come la scienza e la tecnologia ispirino e siano ispirate
dall’immaginario fantascientifico, e oggi, rispetto ai tempi di Asimov o Verne, sono temporalmente più
vicine – commenta Alberto Diaspro, Vicedirettore per l’Outreach dell’IIT – Una vicinanza di visioni tra
mondi che si realizza attraverso la condivisione di scienziati e cittadini di luoghi comuni, per parlare e
scambiarsi conoscenze. E’ vero per la scienza e la letteratura, ma anche per generare innovazione
tecnologica in generale. I nostri caffè nascono proprio per creare questo incontro”.

IIT si racconta…
Inaugurazione – 3 Ottobre, ore 18.30
Sala delle grida, Palazzo della Borsa Valori, Via XX Settembre 44
Saluti di apertura del nuovo ciclo di caffè scientifici:
Alberto Diaspro, Vicedirettore per l’outreach, Istituto Italiano di Tecnologia
Paolo Odone, Presidente, Camera di Commercio di Genova
Alessandro Cavo, Presidente, FEPAG e Gruppo Giovani di Ascom Confcommercio
Incontro: “Asimov aveva ragione?”
Giulio Sandini e Luciano Fadiga
Dipartimento di Robotics, Brain and Cognitive Sciences

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here