I regali di Toti a scuole private e il cerchiobottismo Pd

0
CONDIVIDI
Una della aule sistemate a Lavagnola
M5S: banchi e casse sempre più vuote per la scuola pubblica, a vantaggio di quella privata
M5S: banchi e casse sempre più vuote per la scuola pubblica, a vantaggio di quella privata

GENOVA. 28 GEN. Dopo i circa 6 milioni di euro stanziati a luglio dall’assessore Cavo per le scuole paritarie, i consiglieri di maggioranza Muzio e Vaccarezza l’altro giorno hanno portato in aula una mozione per la “libera” scelta educativa, approvata dalla giunta Toti. Il M5S ha protestato.

“La vecchia politica – ha detto il consigliere regionae Marco De Ferrari – ha fatto l’ennesimo regalo agli istituti scolastici privati. Invece, noi abbiamo presentato un ordine del giorno, che ricordava l’obbligo da parte delle istituzioni di finanziare la scuola pubblica, che in questi anni cade a pezzi, tra edifici che crollano, aule al gelo, carenza di materiale didattico. Invece di appoggiarlo e sottoscriverlo, l’assessore alla Scuola Cavo ha addirittura attaccato pubblicamente il nostro odg, definendolo “contro”.

Ma contro cosa? Semmai, a favore della scuola pubblica, che evidentemente per l’assessore e i consiglieri Muzio e Vaccarezza neppure esiste. Se c’è anche un solo centesimo per l’istruzione, quello deve andare all’istruzione pubblica.

 

E il Pd? Invece di fare opposizione, si è limitato a una melina da vecchissima politica.Così, mentre a parole Rossetti & C. affermano il proprio sostegno al M5S sulla difesa dell’edilizia scolastica, al momento di votare il nostro odg si sono astenuti. E lo stesso copione è andato in scena sulle scuole paritarie, in pieno stile cerchiobottista pidino”.

LASCIA UN COMMENTO