I MONDI PARALLELI DELLA ROSSI LASAB A GENOVA

0
CONDIVIDI
Mondi paralleli la mostra genovese della Rossi Lasab
Mondi paralleli la mostra genovese della Rossi Lasab

GENOVA. 6 LUG. Sta ottenendo un notevole successo di pubblico ed ha anche suscitato l’interesse di numerosi critici la bella mostra dell’artista savonese Lorenza Rossi Lasab all’ Artelier di Palazzo Ducale a Genova. La mostra intitolata “Mondi paralleli” rappresenta anche l’occasione, per chi ancora non conoscesse le opere della Rossi per ammirare i suoi lavori: “ Lorenza Rossi Lasab- dice Armando D’Amaro, noto giallista e critico d’arte- appartiene ed è una delle principali rappresentanti del Realvisualismo, movimento e contesto artistico che individua il mezzo espressivo della fotografia e del video digitale come mezzi principali di lettura delle diverse esperienze artistiche che, a partire dalla Land art, alla Body art, fino alla Street art, hanno messo in evidenza il rapporto inscindibile tra l’artista e l’ambiente che lo circonda”. Oltre all’ opinione di D’Amaro su “Mondi Parlleli” abbiamo anche sentito il parere della nota critica d’arte Martina Corgnati: “ Per Lorenza Rossi – dice la critica Martina Corgnati- usare la ceramica e, oltretutto, in una versione particolarmente disadorna, quella di semplici tavolette di terracotta non dipinta e non invetriata, è una scelta non solo strategica, ma anche estetica. Riguarda le sue radici, il suo genius loci, la sua intenzione espressiva. Si tratta, infatti, per lei, di mettere in gioco la materia, la più materiale delle materie per mettere in scena i più “bassi” degli animali. Chissà, forse un giorno qualcuno potrebbe scoprire che questi animali depurano l’ambiente da pericolose, mutagene radiazioni elettromagnetiche, oppure che proprio da loro si può estrarre l’elisir di tutti i mali, il principio attivo che sconfiggerà tumori e sclerosi e terribili malattie. Ecco che allora il nostro approccio e il nostro giudizio su questi animali cambierebbe immediatamente, per reintegrarli in quel sistema ordinato di principi e valori in base a cui cerchiamo di decifrare almeno un poco del nostro universo e vivere più tranquilli possibile nel nostro tempo, precario come tutti gli altri”. Questa mostra genovese rappresenta pertanto una occasione ideale per ammirare le ceramiche e le fotografie della nota artista savonese che spiega così come ha elaborato la sua nuova forma di visione dell’arte: “ Sono docente e storico dell’arte- spiega la Rossi – Dall’ estate del 2014 ho cominciato a elaborare una mia nuova esperienza artistica: è per descriverla in breve che ho coniato la definizione di “Real Visual Art”. Attraverso Google condivido i risultati di queste mie personali avventure tra immagine e contesto. Chi volesse vedere anche le mie pagine Facebook può trovarle facilmente digitando il nome Lorenza Rossi Lasab oppure la pagina “Real Visual Art Movement”. L’ allestimento della mostra a palazzo Ducale è stato curato da Elena Boschieri ed Elisabetta Lodoli. La mostra proseguirà fino al 22 luglio e sarà aperta da lunedì a venerdì dalle 16 alle 19. Al sabato su appuntamento. Per avere maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.arteliergenovaducale.eu. Il bel catalogo della mostra è stato realizzato da Martina Corgnati.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO