I comunisti: origini terrorismo islamico frutto di azioni Usa e Occidente

3
CONDIVIDI
Il segretario del partito comunista Marco Rizzo: origini terrorismo islamico frutto di azioni Usa e dei paesi occidentali
Il segretario del partito comunista Marco Rizzo: origini terrorismo islamico frutto di azioni Usa e dei paesi occidentali
Il segretario del partito comunista Marco Rizzo: origini terrorismo islamico frutto di azioni Usa e dei paesi occidentali

GENOVA. 22 MAR. “Oltre al dovuto cordoglio per le famiglie delle vittime, non possiamo per l’ennesima volta limitarci alle solite raffazzonate e ripetitive analisi – ha dichiarato oggi il segretario del partito comunista Marco Rizzo – Siamo stupiti e nauseati da
chi promuove, come soluzione, invasioni militari o “ci vuole più Europa”.

Pertanto, i comunisti ritengono “necessario ribadire alcuni punti fermi: 1. origini del terrorismo islamico (a partire dai mujaidin afghani contro l’Armata Rossa per finire alle cosiddette “primavere arabe) sono frutto di azioni degli USA e dell’Occidente, come ha recentemente “confessato” Hillary Clinton. 2. L’imperialismo USA e UE continua imperterrito a saccheggiare risorse prime dai paesi poveri del mondo esportando guerra e finanziando (tramite paesi alleati come Turchia e Arabia Saudita) il terrorismo dell’Isis. Altro che “esportazione della democrazia”. 3. Gli ultimi bastioni di Stati laici (ieri la Libia di Gheddafi oggi la Siria di Assad) sono sottoposti a devastanti golpe i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. 4. Le possenti migrazioni , dovute a guerra e fame, sono funzionali, per l’Unione Europea, alla costituzione di un “esercito industriale di riserva” teso a cancellare i residui diritti dei lavoratori nel continente europeo. In conclusione – dice ancora Rizzo – le uniche cose sensate che si possono auspicare sono: A) Fine di ogni finanziamento diretto o indiretto dell’Occidente alle formazioni estremiste islamiche. B) Rottura immediata di ogni relazione politica ed economica con i paesi che aiutano il terrorismo come Arabia Saudita, Turchia e altri
Paesi del Golfo. C) Istituzione di una legge italiana ed europea sul “salario minimo”, cioè nessun lavoratore (autoctono o straniero) può scendere al di sotto di un livello di salario prestabilito per legge, evitando così razzismo e guerre tra poveri. Tutto il resto è “fuffa” politica, in attesa della prossima strage oppure della Terza guerra mondiale”.

 

3 COMMENTI

  1. Ma….dimentichi sempre che quando c’è da “mangiare”….tanti bla bla e poi ci sei anche tu. Ma hai un lavoro normale? Allora vai…che è meglio. Ormai il comunismo è agli sgoccioli. E caso strano chi ci difende…è un ex comunista di nome…..Putin. Quello americano….è per i sognatori come te.

  2. Che mi dici di basta scuole confessionali, multietnicità separatista e conservatrice, che ha favorito il rafforzamento delle tradizioni e la chiusura?
    Poi la combinazione tra forte indottrinamento e disagio economico, politico è esplosiva. Sembra infatti che diversi attentatori fossero residenti qui da tempo, uno addirittura “radicalizzato velocemente” pur essendo adottato da tedeschi.
    Certo molte cose non tornano, si possono fare molte ipotesi sulla strategia della tensione, i servizi segreti e su a chi questo giovi, cioè il potere, con il consenso per la stretta sulla sicurezza e le limitazioni alla libertà, ma sono ipotesi. Bisogna fare poi ordini sulle notizie. Per dire se si pensasse che alcuni vengono lasciati agire o facilitati. Confrontarli con le casistiche di attentati sventati.
    Certo però la prevalenza islamista è preoccupante.

LASCIA UN COMMENTO