Hanjin, Ericsson Piaggio: se non si cambia 322 lavoratori a casa

2
CONDIVIDI
Hanjin: i container sbarcano a Genova

GENOVA. 14 SET. Brutte notizie sul fronte del lavoro per Genova.

Ieri l’assemblea degli azionisti di Hanjin Italy ha certificato la liquidazione della società, con debiti pari a 4,5 miliardi: senza lavoro a Genova 86 persone, 6 a Milano. Venerdì ci sarà un incontro con i sindacati Cgil, Cisl e Uil.

Oggi, invece, i lavoratori di Ericsson e Piaggio, manifestano davanti alla prefettura insieme ai delegati sindacali per sensibilizzare il governo sulla loro posizione lavorativa e chiedere un incontro con il prefetto.

 

E se i lavoratori di Ericsson manifestano contro gli esuberi annunciati dalla società e la ‘latitanza’ del governo, visto l’ultimo incontro di lunedì al Mise, quelli di Piaggio, manifestano contro gli annunciati licenziamenti che dimezzeranno il personale (da 1.307 unità a circa  650 dipendenti con il metodo delle esternalizzazioni).

Se davvero ci fossero tutti questi licenziamenti, sarebbe una catastrofe: in un due/tre giorni tra Hanjin Italy, Ericsson e Piaggio ci sarebbero ben 322 lavoratori in meno a Genova.

I sindacati Cgil, Cisl e Uil sono in pieno allarme: “Le preoccupazioni del sindacato sono state inascoltate ed ora la situazione industriale in Liguria sta mettendo in ginocchio il tessuto economico e sociale. Le rassicurazioni dei giorni scorsi del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti appaiono inutili”.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO