Guida all’ utilizzo di Civis dell’ Agenzia delle Entrate

0
CONDIVIDI
I contribuenti che, a seguito dei controlli sulla dichiarazione dei redditi, ricevono una comunicazione di irregolarità da parte dell’Agenzia delle Entrate, possono utilizzare Civis
I contribuenti che, a seguito dei controlli sulla dichiarazione dei redditi, ricevono una comunicazione di irregolarità da parte dell’Agenzia delle Entrate, possono utilizzare Civis
I contribuenti che, ricevono una comunicazione di irregolarità da parte dell’Agenzia delle Entrate, possono utilizzare Civis

GENOVA. 3 SET. I contribuenti che, a seguito dei controlli sulla dichiarazione dei redditi, ricevono una comunicazione di irregolarità da parte dell’ Agenzia delle Entrate, possono utilizzare Civis, un canale di dialogo telematico che permette di risolvere entro tre giorni lavorativi oltre il 95% dei casi.

La procedura permette di ricevere assistenza non solo sulle comunicazioni di irregolarità ma anche sulle cartelle di pagamento, nonché di inviare i documenti richiesti per altri controlli sulla dichiarazione.

Per accedere occorre usare il Pin code dei servizi online dell’Agenzia delle Entrate, inserire il proprio codice fiscale, il numero della comunicazione di irregolarità, il motivo della richiesta di assistenza e i dati necessari per essere contattati da parte dell’Agenzia.

 

Come utilizzare Civis.

Per il riconoscimento del maggior credito derivante da versamenti in eccesso, è necessario indicare la data del versamento, l’importo ed il codice tributo utilizzato e dichiarare che tali importi non sono stati inseriti in dichiarazione. Se invece si tratta di maggior credito derivante da eccedenze dell’anno precedente, bisogna chiederne la conferma specificando che non sono state inserite in dichiarazione.

Per abbinare versamenti F24 che non risultano all’ufficio, dopo aver verificato la correttezza dei dati, bisogna indicare gli estremi del versamento, la data, l’importo, il codice tributo o l’anno di riferimento errati

Nel caso di un ravvedimento non riconosciuto, occorre indicare gli importi versati come sanzione e interessi, precisando la data di versamento e la procedura di calcolo seguita.

Per l’invio della documentazione richiesta a seguito del controllo formale della dichiarazione, bisogna indicare il codice fiscale, l’anno di imposta ed il modello di dichiarazione a cui si riferisce la comunicazione e allegare la scansione dei documenti richiesti.

Per maggiori informazioni è presente sul canale YouTube “Entrate in video” un filmato che guida passo passo all’uso del canale di assistenza digitale Civis.

LASCIA UN COMMENTO