Gufo reale lasciato morire al caldo. Denunciato il proprietario

0
CONDIVIDI
Gufo reale trovato morto dalla Forestale. Denunciato il proprietario
Gufo reale trovato morto  dalla Forestale. Denunciato il proprietario
Gufo reale trovato morto dalla Forestale. Denunciato il proprietario

LA SPEZIA. 7 AGO. In seguito ad una segnalazione al numero di pronto intervento 1515, personale del Comando stazione CFS di Follo è intervenuto in località Canevolino, nel comune di Beverino, dove era stata segnalato che un volatile era legato alla recinzione di una privata abitazione.

All’arrivo degli agenti, però, l’animale, uno splendido esemplare di gufo reale, era già morto di stenti.

Il gufo era legato ad una zampa, con una corda di circa un metro, affinché evidentemente non fuggisse dal rifugio in legno in cui era custodito, del tutto inidoneamente, dal proprietario. Ed è stata proprio la corda, attorcigliandosi intorno alla recinzione, a determinare la morte dell’animale, esposto per ore al sole senza più potersi alimentare e bere.

 

Il gufo reale, peraltro, è specie protetta dalla Convenzione di Washington e dalla Direttiva comunitaria “uccelli” e la legge n. 150/1992, in materia di commercio e detenzione di specie in via d’estinzione, ne vieta l’importazione, l’esportazione, la vendita, la detenzione e l’esposizione in assenza di regolare permesso.

In esito alle indagini è stato individuato il proprietario, il quale è stato segnalato all’autorità giudiziaria per i reati di cui agli articoli 544 bis e ter del codice penale.

LASCIA UN COMMENTO