Home Spettacolo Spettacolo Genova

Grigory Sokolov questa sera alla GOG

0
CONDIVIDI
Grigory Sokolov questa sera alla GOG

GENOVA. 20 MAR. Questa sera, lunedì 20 marzo alle ore 21 al Teatro Carlo Felice si terrà il diciannovesimo concerto della Stagione GOG 2016-2017. Ospite d’eccezione Grigory Sokolov universalmente considerato uno dei più straordinari pianisti in attività, artista straordinario per la qualità e la ritualità dell’esecuzione musicale.

Sono ormai 16 anni che Grigory Sokolov riserva per la GOG uno dei suoi concerti annuali a testimonianza della grande empatia che si è creata fra questo meraviglioso artista e la città di Genova. Il programma che il maestro esegue quest’anno é dedicato a Mozart e Beethoven.  Eseguirà infatti la Sonata in do maggiore K 545, la Fantasia e Sonata in do minore K 475/457 di Mozart, e la Sonata in mi minore n. 27 op. 90  e  la Sonata in do minore n. 32 op. 111 di  Ludwig van Beethoven.

Sokolov affronta il repertorio scelto come se volesse condurre l’ascoltatore verso la più naturale comprensione del brano interpretato, semplicemente ascoltando. Dal suo pianoforte escono sonorità inimmaginabili, trilli intensissimi ed espressivi come raramente si può ascoltare su uno strumento, pianissimi che dialogano con impressionanti fortissimi carichi di significato musicale, non solo di incredibile abilità virtuosistica. Da quando a soli 16 anni, ancora studente del Conservatorio, Sokolov vinse il primo premio al Concorso Tchaikovsky di Mosca, impressionando in primo luogo la giuria presieduta da Emil Gilels, la sua attività concertistica è andata sempre crescendo e confermando il livello altissimo, e per certi versi unico, del suo pianismo. Da tempo Sokolov ha deciso di dedicare la sua attività concertistica esclusivamente al recital per pianoforte; il suo repertorio, fin dagli esordi, e tra i più vasti immaginabili e si estende dai compositori del XVII e XVIII secolo agli autori contemporanei, raggiungendo vette interpretative assolute.


Sokolov è nato a Leningrado (ora San Pietroburgo) e ha intrapreso gli studi musicali all’età di cinque anni, e due anni più tardi, ha cominciato gli studi con Liya Zelikhman alla Scuola Centrale Speciale del Conservatorio di Leningrado. A 12 anni ha tenuto il suo primo recital pubblico e il suo prodigioso talento è stato riconosciuto nel 1966 quando, a soli sedici anni, è diventato il più giovane musicista di sempre a vincere il Primo Premio al Concorso Internazionale Čajkovskij di mosca. La critica musicale è sempre affascinata dalla misteriosa abilità di Sokolov di saper “rileggere” la partitura proponendo interpretazioni originali e sempre nuove dei pezzi che suona. la capacità di articolare le voci interne di una struttura polifonica, l’infinita varietà delle dinamiche e dei suoni che sa estrarre dallo strumento sono caratteristiche uniche di questo grande artista. nei suoi recital porta gli ascoltatori a stretto contatto con la musica, trascendendo questioni di esibizionismo superficiale e abilità tecnica, per rivelare significati spirituali più profondi. nel 2015 Deutsche Grammophon ha pubblicato un primo album con la registrazione integrale del recital tenuto al Festival di Salisburgo nel 2008 contenente due Sonate di mozart e i Preludi di Chopin.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here