Home Cronaca Cronaca Genova

GLI UCRAINI GENOVESI RACCOLGONO AIUTI MILITARI PER I SOLDATI DI KIEV

2
CONDIVIDI
ucrainogenovaln
Ucraini genovesi

GENOVA 24 AGO. Gli Ucraini genovesi raccolgono aiuti militari per i soldati di Kiev. La eco della guerra in Ucraina arriva anche a Genova. Gli ucraini genovesi raccolgono aiuti per i militari di Kiev.

“Abbiamo comprato giubbotti antiproiettile, caschi e altre forniture belliche per i nostri militari e poi abbiamo raccolto aiuti per i familiari dei soldati rimasti in Ucraina”: così rivela uno dei portavoce (in foto) della comunità ucraina a Genova, che anche oggi, come tutte le domeniche, si è raccolta nella chiesa di Santo Stefano, nel centro di Genova.

Anche dalla Liguria quindi partono aiuti ai militari di Kiev che da mesi combattono contro i separatisti della regione orientale del Donbass a maggioranza russofona. I morti tra i cosiddetti ribelli ammontano a oltre 2mila e 200 persone, per la maggior parte civili, con i bombardamenti che continuano a colpire le città di Donetsk e Lugansk in particolare.ucrainacamiontruppekievln


Stremati gli abitanti dei due maggiori centri dell’Est-Ucraina dove stamane all’alba proprio a Donetsk almeno tre colpi di mortaio pesante hanno colpito anche un ospedale con i ricoverati fatti evacuare dalle corsie nei sottofondi del centro sanitario.

“Qui a Genova ci sono ucraini da tutto il Paese e noi siamo per la pace” – tengono tuttavia a precisare dalla comunità genovese che si è raccolta anche per festeggiare il 23° anniversario dell’indipendenza del Paese dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991, celebrata a Kiev in Piazza Maidan con una imponente parata militare di uomini e mezzi al cospetto del Presidente Petro Poroshenko che ha annunciato un investimento di 2 miliardi e 200 milioni di Euro per implementare le risorse militari dell’esercito sotto la bandiera giallloblu.

Marcello Di Meglio

2 COMMENTI

    • Gent.le Signora Marina la foto precedente è stata tratta dalle immagini di Google e quindi non è verificata, perciò la abbiamo cambiata. Saluti. Marcello Di Meglio LN.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here