Gli angeli del Gaslini volano a Beirut per salvare un bimbo

6
CONDIVIDI
cade, batte la testa e finisce in fin di vita al Gaslini: bimbo di 0 anni ricoverato nel reparto di rianimazione con prognosi riservata
Equipe medica del Gaslini vola a Beirut per salvare il figlio di un carabiniere in servizio in Libano
Equipe medica del Gaslini vola a Beirut per salvare il figlio di un carabiniere in servizio in Libano

GENOVA. 4 FEB. Un’equipe di medici del Gaslini di Genova è volata in Libano per salvare un bimbo di 7 mesi. La squadra del Centro di rianimazione neonatale e pediatrica si è recati a Beirut per il trasporto urgente di un bambino italiano in gravissime condizioni. Il nato prematuro a 28 settimane è  figlio di un carabiniere in servizio nella capitale libanese ed è stato colpito da uno shock settico a seguito di una grave infezione virale polmonare.

Grazie anche al supporto dell’Unifil, è stato predisposto un volo umanitario per il rimpatrio. Durante il trasporto il bambino è stato assistito dall’equipe del Gaslini composta da Andrea Moscatelli, Stefano Pezzato e Armanda Ferullo.

“Realizzare questo trasporto pediatrico delicatissimo – ha spiegato il presidente del Gaslini Pungiglione – dal Libano all’Italia con il proprio personale e senza per questo pregiudicare l’operatività di un reparto nevralgico per l’intero Gaslini è prova di un’eccellenza clinica e di un livello organizzativo efficiente e all’avanguardia, che pochi centri al mondo sono in grado di realizzare.L’ospedale è sempre più orientato e specializzato nell’offerta di prestazioni di altissima complessità: solo nel corso dell’ultimo anno il Gaslini ha gestito trasporti pediatrici analoghi, per trattamenti specialistici in Istituto, da importanti centri di Verona, Milano e Messina”.

 

All’interno del velivolo è stata allestita una postazione di terapia intensiva, che ha consentito di mantenere il bambino in ventilazione meccanica, di garantire l’infusione continua di farmaci per il supporto emodinamico ed il monitoraggio di tutti i parametri vitali. L’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova è rimasto eccezionalmente aperto per consentire l’arrivo del piccolo. Il bimbo è attualmente ricoverato presso il reparto di Rianimazione del Gaslini, ancora in prognosi riservata.

 

6 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO